Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Risultati della prima tornata di inviti a presentare proposte del programma "Crescita"

I funzionari della Commissione europea hanno espresso la propria "soddisfazione" per il successo della prima tornata di inviti a presentare proposte nell'ambito del programma "Crescita" del quinto programma quadro. Una proposta su tre è stata ammessa alle negoziazioni, una per...
I funzionari della Commissione europea hanno espresso la propria "soddisfazione" per il successo della prima tornata di inviti a presentare proposte nell'ambito del programma "Crescita" del quinto programma quadro. Una proposta su tre è stata ammessa alle negoziazioni, una percentuale mai raggiunta in nessuno dei precedenti programmi di ricerca dell'UE.
I funzionari si sono dichiarati particolarmente compiaciuti della risposta dell'industria europea, dove si è registrato un tasso di partecipazione del 58 per cento, la metà del quale proveniente dalle piccole e medie imprese (PMI). La Commissione aveva introdotto misure specifiche per incoraggiare la ricerca nell'industria, al fine di raggiungere l'obiettivo generale di creazione di posti di lavoro.
Sono state presentate più di 900 proposte, in rappresentanza di circa 8.300 organizzazioni. Il bilancio totale necessario per finanziare tali progetti ammontava a 2.500 euro, di tre volte superiore al bilancio approvato per il primo invito (730 milioni di euro).
Si è calcolato che una proposta accettata è stata presentata in media da nove partner provenienti da sette paesi, per un bilancio totale di 4,5 milioni di euro nell'arco di tre anni e mezzo (ad eccezione dei progetti relativi all'aeronautica).
La valutazione si svolse in luglio, quando il gruppo di esperti ritenne che circa 300 progetti soddisfacessero i criteri di selezione. In agosto la Commissione cominciò le negoziazioni con i consorzi, allo scopo di firmare i contratti entro la fine dell'anno.
A seguito delle raccomandazioni contenute nella relazione Davignon, una valutazione quinquennale dei programmi quadro comunitari che si è inserita nella politica quadro del 5PQ, la Commissione ha reso più chiare le regole e le condizioni di partecipazione (per esempio concentrandosi su argomenti di ricerca più mirati), permettendo così di ottenere una maggiore percentuale di proposte accettate in questa tornata.
La relazione ha inoltre raccomandato una maggiore economicità e rilevanza sociale nell'elaborazione dei programmi di ricerca, con un'attenzione particolare alla valorizzazione commerciale della ricerca. Questi sono diventati i pilastri del quinto programma quadro e i funzionari della Commissione hanno affermato che la maggior parte dei proponenti aveva compreso e soddisfatto tali criteri.
Il numero medio di partecipanti e il finanziamento richiesto per ogni proposta sono aumentati rispetto al programma quadro precedente, permettendo di ottenere progetti più ampi, più integrati e pluridisciplinari. Secondo fonti della Commissione, i ricercatori hanno risposto positivamente alle sfide di un nuovo sistema di presentazione delle proposte, unite ad un numero crescente di partner.
Una delle caratteristiche più importanti del quinto programma quadro è l'apertura dei programmi ad una partecipazione esterna all'Unione europea e in particolar modo ai 15 paesi associati, le cui organizzazioni di ricerca hanno presentato il sei per cento delle proposte. Solo il sei per cento delle proposte provenivano da donne, un dato che la Commissione si sta impegnando a valorizzare.
In risposta alle raccomandazioni fornite dal gruppo consultivo esterno, il programma di lavoro per la seconda tornata di inviti è stato modificato. I principali cambiamenti riguardano l'azione chiave "Prodotti innovativi, processi e organizzazioni" che è stata ridefinita e rifocalizzata. Nell'ambito del programma "Crescita", la partecipazione a questa azione chiave è stata la più scarsa; tuttavia la Commissione ha organizzato una serie di giornate informative per garantire una risposta migliore per il prossimo invito.
Nel complesso, il programma "Crescita competitiva e sostenibile" è stato semplificato e maggiormente focalizzato, al fine di raggiungere gli obiettivi di crescita economica e di creazione di posti di lavoro.
La seconda tornata di inviti a presentare proposte si aprirà il 15 dicembre 1999 e si chiuderà il 31 marzo 2000.

Informazioni correlate

Programmi