Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione valuta l'idea di creare un nome di dominio ".EU"

La Commissione europea ha avviato una pubblica consultazione in merito alla creazione di un nuovo nome di dominio Internet di primo livello ".EU".
La proposta, che costituisce uno degli elementi dell'iniziativa "eEurope" lanciata nel dicembre1999 dal presidente della Commissio...
La Commissione europea ha avviato una pubblica consultazione in merito alla creazione di un nuovo nome di dominio Internet di primo livello ".EU".
La proposta, che costituisce uno degli elementi dell'iniziativa "eEurope" lanciata nel dicembre1999 dal presidente della Commissione Romano Prodi, rafforzerebbe l'immagine e l'infrastruttura di Internet in Europa e consentirebbe di individuare il carattere europeo di imprese ed istituzioni.
A più lungo termine, essa consoliderebbe inoltre il mercato interno e stimolerebbe il commercio elettronico.
Il sistema dei nomi di dominio Internet (DNS) è il modo attraverso cui i singoli e le imprese si identificano reciprocamente sulla Rete. Le poche alternative disponibili in Europa hanno fatto sì che le organizzazioni e i singoli abbiano cercato di ottenere la registrazione Internet negli Stati Uniti d'America o altrove, per esempio con il dominio ".COM". Le stesse istituzioni europee hanno dovuto adottare soluzioni tutt'altro che ottimali, tra cui ".EU.INT" e ".CEC.BE".
Lanciando l'idea ".EU", il commissario per le Imprese e la Società dell'informazione Erkki Liikanen ha affermato: "La Commissione ha compiuto il primo passo: spetta ora alla comunità Internet farci sapere in modo preciso quali modalità di funzionamento auspica per il nuovo registro, a vantaggio del maggior numero possibile di utenti nell'Unione europea."
Il documento di lavoro della Commissione, intitolato "Creazione del nome di dominio Internet (DNS) di primo livello .EU" ha sollevato diversi problemi da affrontare in sede di consultazione, tra cui, le modalità di elaborazione ed attuazione delle politiche di registrazione e le modalità di formulazione della politica di regolamento delle controversie, con particolare riferimento ai marchi depositati.
È aperto fin d'ora un dibattito pubblico on line. Le parti interessate possono presentare i propri commenti e suggerimenti via e-mail al seguente indirizzo: INFSO-Dot-EU-Consult@cec.EU.int; oppure attraverso la seguente pagina web: http://europa.eu.int/comm/dg13/index.htm
Dopo un periodo di consultazione di sei settimane, la Commissione deciderà in che modo procedere, in collaborazione con il Consiglio e il Parlamento.

Informazioni correlate