Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione adotta il Libro bianco sulla responsabilità per danni all'ambiente

La Commissione europea ha recentemente adottato un Libro bianco sulla "Responsabilità per danni all'ambiente", finalizzato ad individuare le modalità per la migliore applicazione del principio "chi inquina paga", in conformità agli obiettivi della politica comunitaria per l'am...
La Commissione europea ha recentemente adottato un Libro bianco sulla "Responsabilità per danni all'ambiente", finalizzato ad individuare le modalità per la migliore applicazione del principio "chi inquina paga", in conformità agli obiettivi della politica comunitaria per l'ambiente.
Uno dei principali obiettivi di tale politica è quello di evitare danni all'ambiente ed il principio "chi inquina paga" rappresenta uno dei fondamenti del trattato CE in materia di ambiente.
Il nuovo documento risponde ad una domanda emanante dal Parlamento europeo, secondo cui la Commissione deve avanzare proposte di intervento normativo nel settore. Il Libro bianco esamina le modalità per una definizione ottimale di un regime comunitario di responsabilità per danni all'ambiente. Ora, dopo aver esaminato le varie opzioni relative ad un'azione comunitaria, la Commissione conclude che la soluzione più opportuna sarebbe una direttiva comunitaria quadro sulla responsabilità per danni all'ambiente.
L'attuale normativa degli Stati membri dell'UE in materia di responsabilità per danni all'ambiente comprende i danni alle persone ed alle cose, nonché la responsabilità per il risanamento dei siti contaminati. Tuttavia questi regimi nazionali non hanno finora affrontato la questione della responsabilità per i danni alla natura, materia questa affrontata dal Libro bianco. La Commissione ora auspica che l'adozione del Libro bianco realizzi un mutamento di atteggiamento tale da consentire un più elevato livello di prevenzione e di precauzione.
Sull'adozione del Libro bianco, il commissario europeo per l'Ambiente Margot Wallström ha dichiarato:
"Adesso abbiamo gettato le basi per un sistema di responsabilità per i danni all'ambiente a livello europeo. La normativa in questo settore stabilirà regole comuni per garantire che gli autori dell'inquinamento siano effettivamente ritenuti responsabili dei danni provocati all'ambiente. Ciò migliorerà la tutela della salute dei cittadini europei e quella del nostro ambiente naturale."
In questo momento la Commissione è in attesa di ricevere osservazioni sul Libro bianco dal Parlamento europeo, dal Consiglio, dal Comitato economico e sociale, dal Comitato delle regioni, nonché da altre parti interessate.
Le osservazioni possono essere trasmesse alla Commissione entro il 1° luglio 2000, utilizzando l'apposito modulo disponibile al seguente indirizzo:
URL: http://europa.eu.int/comm/environment/liability/index.htm