Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Le alternative alla sperimentazione animale

Sia la salute umana che il benessere animale trarranno vantaggio dallo sviluppo di nuovi esami tossicologici in vitro, basati sulla coltura di cellule e sulle tecnologie avanzate.



Antecedenti


Per valutare l'efficacia e la sicurezza di cosmetici, farmaci, additivi ali...
Sia la salute umana che il benessere animale trarranno vantaggio dallo sviluppo di nuovi esami tossicologici in vitro, basati sulla coltura di cellule e sulle tecnologie avanzate.



Antecedenti


Per valutare l'efficacia e la sicurezza di cosmetici, farmaci, additivi alimentari, vaccini e prodotti chimici, si fa ancora largo uso della sperimentazione animale. Oltre a suscitare le proteste del pubblico per il benessere degli animali, la sperimentazione animale è costosa, richiede tempi lunghi e non sempre fornisce indicazioni valide su quale sarà la risposta umana. L'UE è impegnata a promuovere metodi idonei a sostituire, ridurre o perfezionare la sperimentazione animale. La direttiva 86/609/CEE ne vieta l'uso quando esiste un metodo di sperimentazione alternativo altrettanto valido e di ragionevole e pratica accessibilità. Ma pochi metodi sperimentali di questo tipo sono stati sviluppati, collaudati, omologati e adottati. La funzione dell'ECVAM, Centro europeo per la convalida dei metodi alternativi, è di coordinare lo sviluppo, la convalida e l'accettazione di metodi sperimentali alternativi destinati a scopi specifici. L'ECVAM fa parte dell'Istituto per la Salute e la protezione dei consumatori, presso il Centro comune di ricerca della Commissione europea.




Descrizione, impatto e risultati


Inizialmente l'interesse è stato rivolto principalmente alla sostituzione dei metodi esistenti con la sperimentazione in vitro. Vari metodi sperimentali, collaudati dall'ECVAM e dai suoi partner o da altri enti, sono attualmente in uso o sono oggetto di discussione a livello europeo e dell'OCSE. Attualmente il massimo interesse è diretto ai nuovi metodi sperimentali avanzati, basati sull'uomo, che riflettono le conoscenze attuali dei meccanismi in gioco. L'ECVAM sta mettendo a punto metodi destinati a verificare in che modo le sostanze influiscano sugli organi vitali (fegato, reni) e sugli apparati dell'organismo (sistema immunitario e sistema nervoso), e in che modo eventualmente provochino il cancro. Questi metodi sono integrati in strategie caratterizzate dalla molteplicità delle metodologie, tra cui rientra la modellizzazione computerizzata.



L'ECVAM dispone di unità specializzate in tutte le grandi aree della tossicologia. Per studiare gli effetti a lungo termine delle sostanze a basso dosaggio, sono allo studio nuovi metodi in cui le cellule possono essere mantenute per mesi senza trapianto. Per uno dei nuovi strumenti, una batteria di serie cellulari neuroniche geneticamente modificate, è stata presentata una domanda di brevetto. Ogni serie cellulare contiene un transgene che, una volta impressionato, rende le cellule stesse particolarmente vulnerabili o resistenti all'apoptosi, un tipo di morte cellulare programmata. L'attività del transgene può essere inserita, disinserita o perfino regolata su un livello voluto. Queste cellule vengono utilizzate per identificare i composti che, anche a bassa concentrazione, accelerano o inibiscono l'apoptosi. Esse possono così contribuire a comprendere i meccanismi di malattie come il morbo di Alzheimer, in cui l'apoptosi svolge una parte rilevante. Negli esami di identificazione dei composti embriotossici, l'ECVAM sfrutta la capacità delle cellule formative embrionali di differenziarsi in vitro in vari tessuti (p. es. nei tessuti pulsanti cardiaci). Questi esami vengono resi più precisi grazie alla modificazione genetica di serie cellulari permanenti.



Gli esempi presentati sono solo alcuni dei molti e vari studi condotti dall'ECVAM.




Partenariati di lavoro


Il ruolo di coordinamento dell'ECVAM interessa molti partner in tutto il mondo: nel campo del benessere animale, negli ambienti accademici, nei settori chimico, cosmetico e farmaceutico, nella pubblica amministrazione e nelle organizzazioni internazionali. Oltre a coordinare studi di preconvalida e convalida condotti da più laboratori, l'ECVAM offre consulenza su questioni relative alla sperimentazione animale e al benessere degli animali, organizza seminari e unità operative speciali, gestisce il SIS - servizio che fornisce informazioni concrete e valutate sulle prove sperimentali e sulla loro situazione in fatto di convalida e accettazione. L'ECVAM, inoltre, ha creato Olive©CCR, un sistema di gestione delle informazioni che può aiutare i laboratori a organizzare e gestire una struttura di 'buone pratiche di laboratorio' per prove sperimentali alternative. Nel settembre 1999, il Centro è stato organizzatore principale del 3_ Congresso mondiale sulle alternative e sull'uso degli animali nelle scienze della vita, svoltosi a Bologna.

Informazioni correlate

Programmi