Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Integrazione della dimensione ambientale nel processo di sviluppo dei paesi in via di sviluppo

La Comunità europea metterà a disposizione fondi per 50,4 milioni di euro destinati ad assistere i paesi in via di sviluppo nella completa integrazione della dimensione ambientale nel loro processo di sviluppo, se il Consiglio dell'Unione europea ed il Parlamento europeo appro...
La Comunità europea metterà a disposizione fondi per 50,4 milioni di euro destinati ad assistere i paesi in via di sviluppo nella completa integrazione della dimensione ambientale nel loro processo di sviluppo, se il Consiglio dell'Unione europea ed il Parlamento europeo approveranno la posizione comune definita dal Consiglio sulla proposta della Commissione in materia.
Il testo della posizione comune del Consiglio su tale argomento (definita il 16 dicembre 1999) è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.
La proposta è volta a garantire la continuazione delle attività svolte nell'ambito di precedenti normative e si presenta sotto forma di programma pluriennale volto a promuovere misure a livello internazionale per assistere i paesi in via di sviluppo nei loro sforzi di integrazione della dimensione ambientale nel loro processo di sviluppo.
Il Consiglio afferma che, "a tale scopo, la Comunità fornisce assistenza finanziaria e competenze adeguate, intese ad elaborare e promuovere l'attuazione di politiche, strategie, strumenti e tecnologie per lo sviluppo sostenibile".
Il sostegno comunitario viene fornito direttamente agli interessati dei paesi in via di sviluppo ed anche indirettamente mediante il rafforzamento della dimensione ambientale della cooperazione economica ed allo sviluppo presente nei programmi comunitari.
Il Consiglio inoltre aggiunge che l'assistenza e la consulenza fornite ai sensi di tale regolamento integrano e rafforzano quelle fornite mediante altri strumenti della cooperazione allo sviluppo.