Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione incoraggia le giovani aziende di TI a candidarsi per i finanziamenti europei

Il commissario europeo Erkki Liikanen ha incoraggiato gli attori nel settore delle TI a presentare la propria candidatura per ricevere i finanziamenti comunitari stanziati nell'ambito del programma TEN-Telecom dell'UE, al fine di sostenere lo spiegamento di nuovi servizi ed ap...
Il commissario europeo Erkki Liikanen ha incoraggiato gli attori nel settore delle TI a presentare la propria candidatura per ricevere i finanziamenti comunitari stanziati nell'ambito del programma TEN-Telecom dell'UE, al fine di sostenere lo spiegamento di nuovi servizi ed applicazioni di telecomunicazioni.
Il programma TEN-Telecom (Reti transeuropee di telecomunicazioni) si trova in una singolare posizione per sostenere le società innovative nella loro fase di sviluppo, dal momento che, a differenza di altre azioni finanziate dall'Unione europea, si concentra sul sostegno alle organizzazioni pubbliche e private nella primissima e rischiosa fase della prestazione di un servizio.
Intervenendo alla recente giornata informativa TEN-Telecom tenutasi a Bruxelles, il Commissario per le Imprese e la Società dell'informazione ha dichiarato: "Esistono le opportunità per realizzare un'ulteriore innovazione nelle nostre pratiche commerciali, compresa la gestione del servizio pubblico".
"Lo scopo del programma è quello di aiutarvi a creare aziende vitali, fornendo servizi paneuropei nell'interesse generale della società. Il programma TEN-Telecom fornisce alle aziende innovative l'impulso finanziario che consente loro di trasformare le idee in concrete azioni commerciali."
Il programma TEN-Telecom si trova nella giusta posizione per lanciare servizi innovativi nell'economia digitale, come hanno avuto modo di apprendere i delegati. Il modello di progetto è costituito dalle seguenti quattro fasi: ricerca e sviluppo tecnologico, piano di attività commerciale e convalida di mercato, immissione iniziale sul mercato e pieno funzionamento sullo stesso. Il programma si occupa di finanziare la seconda e la terza fase.
Tra le altre cose, TEN-Telecom fornisce un sostegno finanziario durante le aleatorie fasi di lancio dei servizi transeuropei di interesse pubblico generale basati sulle telecomunicazioni, tra cui salute, istruzione, pubblica amministrazione e trasporti, e sostiene i servizi generali particolarmente preziosi per le piccole e medie imprese che creano valori fondati sulla rete.
La sfida che l'Europa ha di fronte a sé, ha affermato Liikanen, consiste nel trarre vantaggio dalla società dell'informazione soprattutto nei settori delle comunicazioni mobili e della televisione digitale, laddove l'industria europea è leader del mercato. Gli alti prezzi delle comunicazioni e la mancanza di innovazione sono i grandi ostacoli che devono essere rimossi affinché l'Europa abbia successo.
Per far fronte a tale sfida, la Commissione ha varato l'iniziativa "eEurope", allo scopo di accelerare il progresso verso la società dell'informazione, facendo convergere azioni nuove e preesistenti. Liikanen ha affermato che il programma TEN-Telecom può dare un grande contributo in questo settore, soprattutto per ciò che concerne le questioni di sicurezza e di fiducia su Internet, la disponibilità di capitale di rischio, la partecipazione dei disabili, l'assistenza sanitaria, i trasporti, nonché il governo e l'amministrazione.
"Il programma svolge un ruolo cardine per ciò che attiene alla diffusione sul mercato dei risultati di valenza internazionale della ricerca e sviluppo europei", ha detto il Commissario.
"Si avverte la chiara necessità di istituzioni e servizi affidabili in grado di alimentare la fiducia nei servizi elettronici. TEN-Telecom sostiene nuovi servizi al fine di garantire la sicurezza e l'affidabilità delle operazioni commerciali sulle reti, in particolare per le piccole e medie imprese."
Il programma contribuirà ad affrontare il problema della mancanza di una cultura d'impresa in Europa, dove gli imprenditori sono costretti a contendersi risorse scarse, ha affermato il Commissario. In futuro, il programma TEN-Telecom sarà coinvolto nella fornitura di capitali di rischio. "TEN-Telecom avrà un ruolo da svolgere, poiché il suo nuovo quadro giuridico gli consente di esplorare la possibilità di partecipare a fondi di investimento e di fornire capitali di rischio per i servizi transeuropei basati sulle telecomunicazioni."
Liikanen ha inoltre posto l'accento sulle prossime modifiche da apportare a TEN-Telecom. Il programma verrà sottoposto ad un processo di revisione a partire dalla fine di quest'anno, allo scopo di focalizzarne meglio l'obiettivo. Il Commissario ha affermato che in futuro verrà rafforzata la dimensione transeuropea del programma, il quale potrebbe cominciare ad orientarsi maggiormente verso l'esterno con il progredire dell'ampliamento dell'UE. Inoltre verrà finanziato un numero maggiore di servizi, attraverso un quadro generale della Commissione a favore di forme più flessibili di finanziamento mediante un partenariato con capitale di rischio. Il programma TEN-Telecom sarà operativo in questo quadro mediante la partecipazione ai fondi di investimento e ad altre imprese analoghe.
In occasione della giornata informativa, presieduta da Spyros Konidaris, direttore dell'unità F3 della Direzione generale della Società dell'informazione, le organizzazioni pubbliche e private sono state informate dalla Commissione sulle modalità di partecipazione all'ultimo invito a presentare proposte per il programma TEN-Telecom, pubblicato il 17 marzo 2000.
L'invito per il programma TEN-Telecom 2000, che scadrà il 16 giugno 2000 e che dispone di uno stanziamento indicativo di 43 milioni di euro, si riferisce a proposte nel settore delle applicazioni e dei servizi basati sulle reti di telecomunicazioni.
È in corso anche un invito con schema di presentazione continua delle proposte, volto ad aiutare i progetti finanziati nella preparazione e nel miglioramento dei relativi piani d'attività commerciale. Tale invito è stato pubblicato il 14 marzo 1998 e si chiuderà il 31 dicembre 2000. La prossima valutazione delle proposte avrà luogo alla fine del giugno 2000.

Informazioni correlate

Programmi