Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Gli europarlamentari chiedono l'istituzione di un'Agenzia europea delle energie sostenibili

I membri della commissione per l'industria, il commercio esterno, la ricerca e l'energia del Parlamento europeo hanno richiesto che sia istituita un'Agenzia europea delle energie sostenibili, che essi ritengono potrebbe essere creata sul modello dell'Agenzia europea dell'ambie...
I membri della commissione per l'industria, il commercio esterno, la ricerca e l'energia del Parlamento europeo hanno richiesto che sia istituita un'Agenzia europea delle energie sostenibili, che essi ritengono potrebbe essere creata sul modello dell'Agenzia europea dell'ambiente. Tale agenzia si occuperebbe di tutti gli aspetti delle energie rinnovabili ed avrebbe il mandato specifico di formulare raccomandazioni sulle modalità per conseguire gli obiettivi in materia di energie rinnovabili e di risparmio energetico dell'UE.
Tale invito è stato espresso allorché i membri della commissione hanno approvato una relazione che richiede un trattamento equo delle fonti di energia tradizionali e di quelle rinnovabili e l'introduzione di una tassa sull'anidride carbonica-energia a livello dell'UE.
La relazione, presentata da un membro del Gruppo dei Verdi, invita la Commissione europea a concepire un progetto per un equo trattamento delle fonti di energia tradizionali e di quelle rinnovabili ed a garantire la paritaria applicazione degli aiuti di Stato dell'UE, in modo tale che tutte le fonti di energia siano soggette alle stesse disposizioni.
Gli europarlamentari si sono trovati concordi nell'affermare che "il sostegno nei confronti delle fonti rinnovabili di energia non deve essere considerato un sussidio diretto, disciplinato dalle norme sugli aiuti di Stato, ma deve ricevere un trattamento separato e specifico".
La commissione parlamentare sostiene che le fonti d'energia rinnovabili devono ricevere massima priorità ed ha suggerito la formulazione di una direttiva sulle energie rinnovabili a complemento della direttiva che istituisce il mercato interno dell'energia.
Essa invita inoltre la Commissione europea a proporre una direttiva che fissi norme prioritarie per l'accesso all'energia prodotta da fonti rinnovabili ed un quadro finanziario per la ricerca comunitaria a costi ripartiti in materia di energie rinnovabili e per la promozione di queste ultime.