Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Accesso elettronico sicuro grazie alle schede intelligenti

L'utilizzo di schede intelligenti per un accesso elettronico sicuro rappresenta uno dei punti principali sull'agenda dei leader politici dell'UE, i quali si sono ripromessi di fare adottare dei sistemi armonizzati di sicurezza e di autenticazione basati sulle schede intelligen...
L'utilizzo di schede intelligenti per un accesso elettronico sicuro rappresenta uno dei punti principali sull'agenda dei leader politici dell'UE, i quali si sono ripromessi di fare adottare dei sistemi armonizzati di sicurezza e di autenticazione basati sulle schede intelligenti per tutte le transazioni elettroniche in ambito europeo.
Una task force di alto livello per la supervisione e l'avvio di progetti di sviluppo è stata istituita in occasione del vertice sulle schede intelligenti, tenutosi a Lisbona lo scorso 11 aprile, nel quadro della conferenza ministeriale sulla conoscenza e la società dell'informazione.
Le schede intelligenti garantiscono un accesso elettronico sicuro ai servizi e rivestono un ruolo importante nel rafforzare la fiducia dei cittadini europei nei confronti del commercio elettronico.
La loro importanza strategica è tale d'aver spinto la Commissione europea a prevedere un'azione specifica di promozione nell'ambito dell'iniziativa europea "eEurope" volta ad incoraggiare l'acquisizione delle tecnologie digitali.
Il largo impiego delle schede intelligenti, iniziato con l'arrivo dei GSM (sistema globale per le comunicazioni mobili), è considerato un punto di forza europeo, anche se i partecipanti alla conferenza hanno rilevato alla fine la necessità di intensificare gli sforzi, in vista di armonizzare i vari approcci adottati in Europa e nel mondo.
"Il nostro obiettivo principale è fare in modo che i possessori di una o più schede intelligenti possano utilizzarle facilmente in diversi contesti e in tutta l'Unione europea, ottenendo una qualità di servizio senza precedenti", ha affermato Robert Verrue, direttore generale della DG Società dell'informazione.
"Le questioni di sicurezza, fiducia dell'utente e protezione dei dati personali rappresentano i pilastri essenziali di un'infrastruttura multisettoriale. Oggi stiamo iniziando a costruire questi pilastri su basi solide".
I partecipanti alla conferenza hanno concordato di costituire una task force di alto livello, che abbia come obiettivo l'avvio ed il supporto di sviluppi comuni nell'ambito dei sistemi basati sulle schede intelligenti.
In questo contesto, saranno istituiti dei gruppi di lavoro in vista di preparare una guida per i sistemi di facile uso basati sulle schede intelligenti entro la fine del 2001, nonché un efficiente sistema di sicurezza e di autenticazione basato sulle schede intelligenti per le transazioni elettroniche europee entro il 2002. La realizzazione di un'infrastruttura elettronica sicura per l'accesso pubblico ai servizi governativi e agli appalti pubblici è prevista entro la fine del 2003.
Verrue ha invitato i rappresentanti di aziende pubbliche e private e gruppi di utenti presenti al vertice a sostenere l'azione promossa a favore delle schede intelligenti.
Gli Stati membri sono stati invitati ad agire rapidamente per garantire la concessione coerente delle licenze, l'attuazione di un quadro normativo per il riconoscimento delle firme elettroniche e la sicurezza dei pagamenti elettronici, settori in cui la tecnologia delle schede intelligenti svolgerà un ruolo importante.

Informazioni correlate

Programmi