Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione affronta i monopoli telefonici, riducendo i costi di Internet

La Commissione europea ha proposto alcune misure che imporranno ai gestori telefonici nazionali già insediati di favorire la concorrenza, consentendo ad altri operatori l'accesso alle loro reti.
La Commissione auspica che, una volta adottati tali suggerimenti, gli abbonati eur...
La Commissione europea ha proposto alcune misure che imporranno ai gestori telefonici nazionali già insediati di favorire la concorrenza, consentendo ad altri operatori l'accesso alle loro reti.
La Commissione auspica che, una volta adottati tali suggerimenti, gli abbonati europei beneficeranno di una concreta riduzione dei costi di Internet.
Le misure proposte apriranno la strada all'introduzione di una tariffa forfetaria per il collegamento ad Internet, fattore che aiuterà le società europee a competere più efficacemente sulla Rete. A tutt'oggi gli abbonati europei pagano abitualmente una tariffa a tempo per i servizi telefonici e la connessione a Internet, a differenza degli Stati Uniti dove il costo di collegamento al Web è notevolmente inferiore.
In una raccomandazione agli Stati membri dell'UE, la Commissione ha chiesto ai gestori delle telecomunicazioni di fornire, entro il 31 dicembre 2000, il pieno accesso separato alla linea locale (ovvero gli ultimi metri di filo di rame che collegano gli abbonati alla centrale telefonica ad essi più vicina).
Sebbene una simile raccomandazione non sia vincolante, la Commissione ha avvertito che potrebbe utilizzare i suoi poteri in materia di antitrust contro quei gestori telefonici che rifiutino di favorire la concorrenza.
In una dichiarazione il commissario Erkki Liikanen, il cui portafoglio comprende la Società dell'informazione, e il commissario per la Concorrenza Mario Monti hanno affermato che: "La rete di accesso locale rimane uno dei segmenti meno competitivi del settore liberalizzato delle telecomunicazioni. Le misure che la Commissione ha indirizzato agli Stati membri sull'accesso separato alla linea locale contribuiranno a stimolare la concorrenza in tali reti, permettendo alle aziende e ai consumatori di accedere, ad un prezzo ragionevole, ad un'infrastruttura di comunicazioni avanzata, oltre che ad una vasta gamma di servizi".
"Questo consentirà all'Europa di sfruttare appieno il potenziale di crescita e di creazione di posti di lavoro dell'economia digitale basata sulla conoscenza. La Commissione confida nel fatto che la separazione dell'accesso alla linea locale oggetto della raccomandazione costituirà un passo importante verso la creazione di mercati delle telecomunicazioni più competitivi ed efficienti e che faciliterà lo sviluppo dei servizi Internet".
Tale azione fa seguito all'iniziativa "eEurope" della Commissione e costituisce il primo passo in risposta alle conclusioni del vertice ".com" del Consiglio svoltosi a Lisbona, le quali sollecitano la promozione di una società dell'informazione globale accessibile a tutti.

Informazioni correlate