Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Continua la controversia sul principio di precauzione

Sull'ultimo numero della rivista "Science" un gruppo internazionale di autori si è espresso in merito al "principio di precauzione" della Commissione europea.
Il principio di precauzione, approvato all'inizio di quest'anno dopo lunghe discussioni, costituisce ora la base dell...
Sull'ultimo numero della rivista "Science" un gruppo internazionale di autori si è espresso in merito al "principio di precauzione" della Commissione europea.
Il principio di precauzione, approvato all'inizio di quest'anno dopo lunghe discussioni, costituisce ora la base della legislazione ambientale dell'Unione europea. In termini molto semplici incoraggia gli Stati membri ad assumere un atteggiamento prudenziale nel disciplinare le nuove tecnologie.
Tuttavia il principio di precauzione è oggetto di controversie. Prima della sua approvazione, gli oppositori temevano che avrebbe creato barriere ingiuste al commercio. Ora i critici sostengono che i governi lo abbiano applicato in modo arbitrario.
Nell'articolo pubblicato sulla rivista "Science", i ricercatori discutono le recenti linee guida definite dalla Commissione europea, volte a chiarire come vada applicato il principio alle nuove tecnologie.
Secondo gli autori, "le linee guida sottolineano l'esigenza di un processo trasparente dal punto di vista politico e di un attento esame dei dati scientifici in caso di ricorso al principio; ciò potrebbe contribuire a ridurre il livello di contenziosità della sua applicazione".