CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

Notizie

Italiano IT

Un nuovo test semplice per la tubercolosi

Alcuni scienziati britannici hanno sviluppato un test moderno e semplice per individuare l'infezione da tubercolosi. La scoperta del test, che ha un'accuratezza del 94 per cento, inciderà notevolmente sullo sviluppo di terapie e metodi efficaci volti a prevenire la diffusione ...

Altro

Alcuni scienziati britannici hanno sviluppato un test moderno e semplice per individuare l'infezione da tubercolosi. La scoperta del test, che ha un'accuratezza del 94 per cento, inciderà notevolmente sullo sviluppo di terapie e metodi efficaci volti a prevenire la diffusione della tubercolosi.

Il test consiste nell'esame dei "biomarcatori" specifici della tubercolosi in campioni di siero o di sangue e sarà ulteriormente semplificato per consentirne l'utilizzo nei paesi in via di sviluppo, dove la tubercolosi è più diffusa. I test attualmente disponibili si basano su tecnologie che risalgono alla nascita della medicina moderna e prevedono dunque l'utilizzo di un microscopio per confermare i casi di malattia. Nei paesi in via di sviluppo, dove la tubercolosi costituisce una minaccia ben più grave che nell'UE, i test al microscopio non hanno un'accuratezza superiore al 40-60 per cento e possono durare diverse settimane.

La ricerca, condotta da scienziati dell'Istituto nazionale per le ricerche mediche (Medical Research Council National Institute for Medical Research, NIMR) e dell'ospedale St George dell'Università di Londra, è pubblicata sulla rivista "The Lancet".

I "biomarcatori" della tubercolosi sono molecole presenti unicamente nel siero infetto e sono stati individuati ricorrendo alla spettrometria di massa e all'analisi statistica, tecniche che hanno permesso di isolare i vari elementi costitutivi del batterio e dell'infezione della tubercolosi.

Dalla sua scoperta questo biomarcatore specifico è stato utilizzato per sviluppare il test, ma la tecnica potrebbe essere applicata per ideare test rapidi e accurati destinati a una serie di altre infezioni. "Gli attuali sviluppi nel campo della spettrometria di massa, nonché i nuovi metodi statistici per l'individuazione di modelli ci consentono di scoprire i biomarcatori dell'infezione. Le nostre attività aprono la strada a nuove ricerche che serviranno a tradurre questi risultati in metodi rapidi e affidabili di individuazione delle infezioni attive della tubercolosi che potrebbero incidere gravemente sulla salute generale. Al momento utilizziamo metodi simili per la diagnosi della malaria", dichiara il dott. Delmiro Fernandez-Reyes del NIMR.

La diagnosi precoce della tubercolosi è di fondamentale importanza per prevenire la trasmissione della malattia. I recenti focolai di una tubercolosi estremamente resistente ai farmaci (XDR-TB) hanno destato enormi preoccupazioni data la difficoltà di trattare quel ceppo. Un test rapido e accurato avrebbe permesso ai medici di intervenire più tempestivamente e di ridurre la diffusione della malattia.

Il prof. Sanjeev Krishna del Centro malattie infettive dell'ospedale St George, presso l'Università di Londra, ha dichiarato: "Presentiamo un metodo innovativo per risolvere un problema antico. Penso che sarà molto entusiasmante realizzare questo lavoro nelle cliniche dove un test per la tubercolosi è di estrema urgenza. La prossima tappa sarà l'uso dei biomarcatori individuati per mettere a punto un test diagnostico finanziariamente accessibile, rapido e accurato che potrà essere utilizzato sul campo in modo semplice e veloce".