CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

Notizie

Italiano IT

Equipe di chirurghi francesi ha effettuato la prima operazione a gravità zero

Un'équipe di chirurghi francesi ha utilizzato il velivolo sperimentale Zero-G dell'Agenzia spaziale europea (ESA) per portare a termine la prima operazione chirurgica in assenza di gravità.

La procedura è durata tre ore nell'Airbus A300 dell'ESA, appositamente allestito, che...

Altro

Un'équipe di chirurghi francesi ha utilizzato il velivolo sperimentale Zero-G dell'Agenzia spaziale europea (ESA) per portare a termine la prima operazione chirurgica in assenza di gravità.

La procedura è durata tre ore nell'Airbus A300 dell'ESA, appositamente allestito, che dal 1996 effettua voli "parabolici" a gravità zero. L'équipe francese ha esportato una cisti dall'avambraccio del volontario, Philippe Sanchot, praticante di sport estremi e scelto per l'esperimento perché grazie ai suoi hobby il suo organismo avrebbe potuto affrontare le situazioni acute a bordo dell'aereo.

L'operazione è andata "esattamente come ci aspettavamo", ha dichiarato al termine del volo il capochirurgo Dominique Martin dell'Ospedale universitario di Bordeaux. "Tutti i dati che abbiamo raccolto ci consentono di affermare che gli esseri umani possono sottoporsi a un'operazione in condizioni spaziali senza affrontare problemi insormontabili".

Se l'operazione si è svolta in appena 11 minuti, il volo è durato circa tre ore, perché l'A300 è in grado di raggiungere la gravità zero solo per 22 secondi consecutivi.

L'A300 segue una traiettoria "parabolica" e per questo motivo guadagna bruscamente altitudine per poi precipitare immediatamente verso terra, un processo che si ripete in continuazione. Le persone presenti nel velivolo sentiranno l'assenza di gravità quando l'aereo raggiungerà il punto più alto e comincerà la discesa. La stessa procedura è utilizzata per acclimatare gli astronauti agli effetti della gravità zero, che altrimenti potrebbe causare la nausea.

Durante il volo l'équipe ha dovuto effettuare 31 parabole a gravità zero affinché l'operazione fosse ultimata. Ogni volta che terminava l'effetto della forza di gravità, l'équipe sospendeva l'operazione e la riprendeva quando il volo raggiungeva di nuovo la gravità zero. I chirurghi erano fissati al bordo dell'aereo mentre il paziente si trovava in una tenda di plastica, secondo quanto riferito dalla BBC.

"Da febbraio ripetiamo l'operazione a terra e a bordo dell'aereo. Non abbiamo più dubbi", ha dichiarato il dott. Martin all'agenzia di stampa AFP prima del volo.

L'équipe era costituita da tre chirurghi, due anestesisti e da un gruppo di paracadutisti dell'esercito. I chirurghi hanno usato strumenti miniaturizzati, ancorati grazie a magneti che ne impedivano la fluttuazione.

L'anestesista Laurent de Coninck ha spiegato che la procedura era necessaria per motivi semplicemente pragmatici. "Oggigiorno oltre 400 persone hanno già viaggiato nello spazio. La probabilità che gli astronauti riportino ferite durante le missioni sarà sempre più alta e far rientrare una persona per sottoporla alle cure necessarie è un'operazione al tempo stesso rischiosa e costosa", ha dichiarato all'AFP.

L'équipe si era preparata in modo esauriente effettuando un'operazione preliminare a un'arteria di una coda di topo, del diametro di appena 0,5 mm. L'operazione a gravità zero getterà le basi per lo sviluppo di robot in grado di eseguire compiti simili alle stesse condizioni gravitazionali.

Paesi

Francia