CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

Notizie

Italiano IT

Disponibile la «Mappa Mundi» del calcolo di griglia

Una nuova cartina interattiva che visualizza l'infrastruttura Enabling Grids for E-sciencE (EGEE) indicando inoltre otto delle altre principali griglie di calcolo a livello mondiale è infine disponibile.

La cartina, elaborata dai ricercatori di GridPP (Regno Unito) e del lab...

Altro

Una nuova cartina interattiva che visualizza l'infrastruttura Enabling Grids for E-sciencE (EGEE) indicando inoltre otto delle altre principali griglie di calcolo a livello mondiale è infine disponibile.

La cartina, elaborata dai ricercatori di GridPP (Regno Unito) e del laboratorio europeo di fisica delle particelle del CERN a Ginevra, utilizza Google Earth per visualizzare la collocazione delle griglie nei sei continenti, indicandone oltre 300 in totale. Come la «Mappa Mundi» del Medioevo, che mostrava il mondo conosciuto all'epoca, la cartina in questione costituisce uno dei primi tentativi di rappresentare nel suo complesso il mondo delle griglie scientifiche.

Gidon Moont dell'Imperial College London, che ha sviluppato l'interfaccia con Google Earth, ha dichiarato: «Riuscire, per la prima volta, a visualizzare le principali griglie su un'unica carta è entusiasmante. L'interoperatività sarà fondamentale per il futuro della griglia e la cartina ne mostrerà la crescita.»

Le griglie sono visualizzate su Google Earth attraverso un file KML. Aprendo il file in Google Earth, la collocazione delle griglie compare sulla cartina di Google Earth. Facendo clic su ognuno dei siti, ne appaiono nome e collocazione e ne viene individuata la griglia di appartenenza. La cartina si basa su una banca dati che include informazioni sui siti fornite dalle seguenti griglie:

- Enabling Grids for E-sciencE (mondiale);
- Open Science Grid (principalmente negli USA);
- Nordic Data Grid Facility (principalmente in Scandinavia);
- NAREGI (Giappone);
- TeraGrid (USA);
- PRAGMA (Pacific Rim);
- Distributed European Infrastructure for Supercomputing Applications (Europa);
- National Grid Service (Regno Unito);
- Australian Partnership for Advanced Computing (Australia).

Il progetto di griglia EGEE, cofinanziato dalla Commissione europea, consiste di oltre 20 000 CPU (unità di elaborazione centrali), che sono a disposizione degli utenti 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, e si aggiungono a circa 5 Petabyte (5 milioni di Gigabyte) di memoria. È in grado di svolgere circa 20 000 operazioni simultanee. La disponibilità di simili risorse è ideale per qualsiasi ricerca scientifica nella quale il tempo e le risorse necessari per rendere operative le applicazioni non sono ritenuti funzionali quando si utilizzano infrastrutture informatiche tradizionali.

EGEE ha avuto origine da due settori scientifici (fisica dell'alta energia e scienze della vita) ma integra attualmente applicazioni di numerosi altri campi della scienza, dalla geologia alla chimica computazionale.

Albert Einstein ha detto: «I computer sono incredibilmente veloci, accurati e stupidi. Gli uomini sono incredibilmente lenti, inaccurati e intelligenti. Insieme sono una potenza che supera l'immaginazione.»