Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La protezione del gatto selvatico europeo

Quando gli uomini hanno iniziato ad avventurarsi in terre inesplorate, è iniziata la scomparsa degli animali selvatici. Nonostante le probabilità fossero a suo sfavore, il gatto selvatico europeo (Felis silvestris silvestris), grazioso come un gatto domestico ma un po' più fer...

Quando gli uomini hanno iniziato ad avventurarsi in terre inesplorate, è iniziata la scomparsa degli animali selvatici. Nonostante le probabilità fossero a suo sfavore, il gatto selvatico europeo (Felis silvestris silvestris), grazioso come un gatto domestico ma un po' più feroce, è riuscito a sopravvivere in Europa in paesi come Francia, Germania e Spagna. Ma è possibile proteggere il gatto selvatico europeo da potenziali pericoli? Una squadra di ricercatori tedeschi e spagnoli, che è riuscita a sviluppare un modello ecologico che identifica i potenziali habitat e corridoi per questo gatto selvatico, risponde di sì. Le loro scoperte sono state di recente pubblicate sulla rivista scientifica Biological Conservation. Per anni gli europei si sono dedicati diligentemente all'impresa di implementare misure di conservazione per il gatto selvatico europeo in tutto il continente, in particolare nell'Europa centrale. Ma tre fattori fondamentali hanno giocato a sfavore della vita dell'animale: la frammentazione o distruzione del suo habitat; l'ibridazione tra gatti selvatici e domestici; le ferite causate dall'aumento del traffico sulle strade. Per questo studio, il modello è stato usato nello stato federato tedesco della Renania-Palatinato, in particolare nella regione meridionale dell'Eifel vicino a Wittlich (al confine con il Belgio) e Bienwald (al confine con la Francia). Circa il 75% dell'area in questione è coperta da foreste ed è dimora della metà dell'intera popolazione tedesca di gatti selvatici. I risultati di questo studio di quattro anni mostrano che quasi il 50% dello stato della Renania-Palatinato ha il potenziale per essere la dimora di 1600 femmine. I ricercatori dicono che non soltanto questo modello può essere adattato ad altre regioni, ma anche che esso si può dimostrare fondamentale per determinare come proteggere al meglio il gatto selvatico europeo, che attualmente si trova sulla lista delle specie in pericolo. I ricercatori in Germania provengono dal Helmholtz Center for Environmental Research (UFZ), dalla Freie Universität di Berlino, dalla ricerca sul campo OEKO-LOG a Parlow e dalla stazione biologica a Euskirchen, Nord Reno-Westfalia, oltre che dalla stazione biologica Doñana del Consiglio spagnolo della ricerca scientifica. Nina Klar, una dottoranda al UFZ, afferma che un fattore decisivo per l'habitat del gatto selvatico è la sua distanza dagli insediamenti umani. "I timidi abitanti delle foreste si tengono a distanza quando aggirano gli insediamenti," ha spiegato. "Si spingono molto raramente a meno di 1 chilometro dagli insediamenti e si tengono a una distanza di 200 metri anche dalle case isolate e dalle strade." La squadra ha anche scoperto che i gatti selvatici scelgono di vivere vicino all'acqua, oltre che sui margini delle foreste, poiché hanno migliore accesso alle prede. Da parte sua il dott. Nestor Fernandez, ricercatore spagnolo, dice: "Non soltanto i gatti selvatici si autoproteggono dagli uomini e dai cani, ma entrano anche meno in contatto con i gatti domestici, e questo potrebbe spiegare il basso tasso di ibridazione tra le due specie." I ricercatori hanno sviluppato un database contenente 13.000 voci sui territori di attività dei gatti selvatici. Al fine di tracciare i territori di attività dei gatti selvatici, la squadra ha equipaggiato sei maschi e sei femmine con radio trasmettitori. Le loro scoperte indicano che, nonostante nelle foreste le condizioni dell'habitat siano buone, il numero di avvistamenti di gatti selvatici è vicino a zero. Un grosso problema è rappresentato dal fatto che i corridoi che gli animali potrebbero usare per entrare in queste aree sono considerati inadeguati. Nel frattempo, ricercatori ed esperti useranno questo studio per promuovere ulteriormente la protezione del gatto selvatico europeo. Tuttavia, è necessario il supporto della Germania. Ad esempio, membri del BUND (Associazione tedesca protezione della natura e dell'ambiente) affermano che creeranno una rete di 20.000 chilometri di corridoi nelle foreste nei prossimi anni mediante il progetto "rete di salvataggio del gatto selvatico". "Pianificare la conservazione della natura a livello nazionale o internazionale è la base per i corridoi di migrazione degli animali selvatici," ha detto Thomas Moelich, coordinatore della "rete di salvataggio del gatto selvatico" per il BUND. Le statistiche mostrano che il numero dei gatti selvatici in Germania si aggira tra i 3000 e i 5000 esemplari. La creazione di corridoi aiuterà a rimettere in contatto popolazioni isolate e a rendere accessibili nuove aree al gatto selvatico.

Paesi

Germania, Spagna

Articoli correlati