Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

L'assunzione di caffeina fa bene alla mente

I ricercatori sanno bene che la caffeina stimola il sistema nervoso centrale a breve termine, ma in che modo viene influenzata la cognizione a lungo termine? Un'indagine condotta da un team di ricercatori europei ha fornito risposte interessanti. Il gruppo, composto da ricerca...

I ricercatori sanno bene che la caffeina stimola il sistema nervoso centrale a breve termine, ma in che modo viene influenzata la cognizione a lungo termine? Un'indagine condotta da un team di ricercatori europei ha fornito risposte interessanti. Il gruppo, composto da ricercatori finlandesi e svedesi, ha scoperto che l'abitudine di bere caffé o the durante la mezza età può ridurre il rischio di demenza e/o morbo di Alzheimer (AD) in una fase più avanzata della vita, poiché le bevande contenenti caffeina danno una spinta al cervello umano. I risultati sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Alzheimer's Disease. I ricercatori dell'università di Kuopio e dell'Istituto nazionale per la sanità pubblica (Finlandia) e del Karolinska Institute (Svezia), si sono proposti di studiare il legame tra consumo di caffé e/o the nella mezza età e rischio di demenza/morbo di Alzheimer in età più avanzata. Il team del Centro per i fattori di rischio cardiovascolare, invecchiamento e demenza (CAIDE) ha selezionato i partecipanti tra i superstiti dei gruppi sulla base della popolazione valutati nel progetto North Karelia e nello studio FINMONICA nel 1972, 1977, 1982 o 1987. Circa il 71% (cioè 1409 partecipanti) esaminati in questi studi erano stati riesaminati nel 1998. Il team ha riscontrato 61 casi di demenza e 48 casi di morbo di Alzheimer. "Il nostro obiettivo era quello di studiare l'associazione tra il consumo di caffé e the e i rischi di demenza/morbo di Alzheimer in età più avanzata, poiché l'impatto a lungo termine della caffeina sul sistema nervoso centrale era ancora sconosciuto, e il processo patologico che porta al morbo di Alzheimer può cominciare decenni prima della manifestazione clinica della malattia," ha spiegato la ricercatrice a capo del progetto, prof.ssa Miia Kivipelto dell'università di Kuopio e del Karolinska Institute. Il team ha spiegato che l'esame della mezza età, ai fini del loro studio, ha valutato il consumo di caffé e the per mezzo di un questionario, precedentemente convalidato, semi-quantitativo di frequenza dell'alimento. Il consumo di caffé è stato suddiviso in tre categorie: basso = da 0 a 2 tazze; moderato = 3-5 tazze; alto = 5 tazze o più. Per quanto riguarda il consumo di the, i ricercatori hanno diviso i partecipanti in due gruppi: nessun consumo di the = 0 tazze al giorno; consumo di the = 1 tazza al giorno. Sulla base dei risultati del loro studio, i ricercatori hanno scoperto che i consumatori di caffé di mezza età avevano un rischio minore di demenza e morbo di Alzheimer in età più avanzata rispetto a chi beveva poco o niente caffé. I dati hanno inoltre mostrato che chi faceva un consumo moderato di caffé aveva il rischio minore (65%). I ricercatori hanno operato degli aggiustamenti riguardo a diverse variabili di confusione, ma non sono state registrate modifiche nei risultati. Il team ha inoltre scoperto che il consumo di the era più un'eccezione che una regola per la maggior parte dei partecipanti; il the quindi non è stato collegato né alla demenza né al morbo di Alzheimer. "Vista la grande quantità di caffé consumato in tutto il mondo, i risultati potrebbero avere implicazioni importanti per la prevenzione e il ritardo dell'insorgenza di demenza/morbo di Alzheimer," ha sottolineato la prof.ssa Kivipelto. "Questi risultati devono essere confermati da altri studi, ma mostrano la possibilità che interventi sulla dieta potrebbero modificare il rischio di demenza/morbo di Alzheimer," ha aggiunto. "Inoltre, l'identificazione dei meccanismi attraverso i quali il caffé esercita una protezione contro la demenza/morbo di Alzheimer potrebbe aiutare a sviluppare nuove cure per queste malattie."

Paesi

Finlandia, Svezia

Articoli correlati