Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Ricercatori dell'UE studiano gli effetti dei fenomeni meteorologici estremi sui trasporti

Nell'Unione europea sia i responsabili delle politiche che i cittadini sono preoccupati dell'impatto che i fenomeni meteoroligici estremi possono avere sul sistema dei trasporti. Per questo motivo, il progetto EWENT ("Extreme weather impacts on European networks of transport")...
Ricercatori dell'UE studiano gli effetti dei fenomeni meteorologici estremi sui trasporti
Nell'Unione europea sia i responsabili delle politiche che i cittadini sono preoccupati dell'impatto che i fenomeni meteoroligici estremi possono avere sul sistema dei trasporti. Per questo motivo, il progetto EWENT ("Extreme weather impacts on European networks of transport") cercherà di individuare e definire questi fenomeni meteorologici estremi e i loro effetti. I partner del progetto hanno ricevuto un finanziamento di quasi 1,5 milioni di euro attraverso il tema "Trasporti" del Settimo programma quadro (7° PQ) dell'UE.

Coordinato dal VTT Technical Research Centre in Finlandia, EWENT svilupperà scenari importanti per stimare le conseguenze di eventi meteorologici estremi rischiosi. Il progetto calcolerà anche i costi prodotti dalle interruzioni del traffico alle infrastrutture, operazioni e parti terze, come ad esempio l'impatto sulle catene di fornitura, i danni materiali e la perdita di vite umane; esso valuterà inoltre le misure e alternative per mitigare, controllare e monitorare gli impatti negativi sia sui beni che sulle persone, nel breve e lungo termine.

A spronare i ricercatori EWENT è stata la crescente preoccupazione su come il cambiamento climatico sta provocando eventi meteorologici estremi. Il consorzio - composto da 10 membri - si sta concentrando anche sulla sicurezza e affidabilità del trasporto aereo, terrestre e marittimo.

"Esiste un'enorme quantità di informazioni sugli effetti dei fenomeni meteorologici, ma è la prima volta che un progetto cerca di valutare i costi in maniera metodica", spiega il capo del progetto, il dottor Pekka Leviäkangas del VTT.

In definitiva, i ricercatori tentano di sostenere l'adattamento al cambiamento climatico. I risultati del progetto andranno a supportare anche aziende, assicuratori e finanziatori di progetti. Secondo il team, le scoperte potrebbero rivestire un ruolo centrale per individuare requisiti migliori per le capacità di manutenzione, stimolare la cooperazione tra le varie autorità, migliorare la disponibilità immediata in casi eccezionali e creare criteri di adattamento per le infrastrutture.

In una dichiarazione, il VTT afferma che uno dei compiti fondamentali dell'EWENT è di pre-ingegnerizzare metodi e processi nazionali ed europei per la gestione del rischio.

Il progetto, che dovrebbe concludersi nel 2012, riunisce attori della ricerca e dell'industria da Austria, Cipro, Finlandia, Germania, Norvegia e Svizzera, nonché l'Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite.

Il VTT ha detto che il comitato consultivo di EWENT è composto da rappresentanti del ministero dei Trasporti e delle comunicazioni in Finlandia, la Banca europea per gli investimenti, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), la compagnia assicurativa tedesca Allianz e il Politecnico di Torino.

Fonte: VTT Technical Research Centre of Finland

Informazioni correlate

Programmi

Paesi (7)

  • Austria, Svizzera, Cipro, Germania, Finlandia, Italia, Norvegia