Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La logistica digitale paneuropea diventa maggiorenne

Le vecchie catene di distribuzione si stanno trasformando in catene di distribuzione moderne, più veloci e più affidabili, grazie a investimenti nelle tecnologie dell'informazione. L'UE, da parte sua, ha stanziato quasi 2 milioni di euro tramite il Settimo programma quadro (7°...
La logistica digitale paneuropea diventa maggiorenne
Le vecchie catene di distribuzione si stanno trasformando in catene di distribuzione moderne, più veloci e più affidabili, grazie a investimenti nelle tecnologie dell'informazione. L'UE, da parte sua, ha stanziato quasi 2 milioni di euro tramite il Settimo programma quadro (7° PQ) per favorire questo cambiamento. La portata della domanda da parte dei consumatori, e la necessità di previsioni accurate e di una rapida risposta a questa domanda, sono state il punto di partenza del progetto ADVANCE ("Advanced predictive-analysis-based decision-support engine for logistics") che sta creando un programma software specifico per soddisfare queste necessità.

Le tecnologie disponibili attraverso Internet, combinate con i continui progressi nello sviluppo di software per la logistica, hanno fornito un'enorme spinta alla gestione delle catene di distribuzione, molto più grande di quanto avrebbero potuto prevedere coloro che per primi avevano annunciato la nascita della catena di distribuzione. La portata delle soluzioni è aumentata e il volume delle transazioni è cresciuto a un ritmo incredibile.

Tuttavia, i manager della logistica sono da lungo tempo alla ricerca di una soluzione tecnologica che offra un sistema sicuro per programmare e pianificare, un sistema che fornisca massimi benefici a spedizioni multi-vettore, multi-modali e multi-tratta all'interno di un sistema di processo aziendale principale.

Questo sistema dovrebbe necessariamente gestire transazioni nazionali e internazionali all'interno di una comunità commerciale logistica. Internet potrebbe rappresentare il mezzo di comunicazione tra commercianti e clienti. I manager della logistica desiderano un sistema simile per recapitare informazioni sia storiche che in tempo reale in un modo efficiente in termini di costi, in un'area geografica il più possibile vasta. Ecco allora il progetto ADVANCE che offrirà una soluzione di questo tipo, resa possibile da un software. Il progetto è stato avviato nel mese di settembre di quest'anno.

Il sistema ADVANCE allontanerà gli utenti da rigide soluzioni su base empirica, conducendoli verso una soluzione integrata in grado di abbracciare tutta l'Europa in termini di accesso e assistenza. Il supporto alle decisioni sarà basato su informazioni storiche e in tempo reale, sull'uso di strumenti di collegamento e su dati che, vantaggio fondamentale, possiedono già al loro interno i criteri di un'azienda.

"Questo sistema creerà un motore di supporto alle decisioni capace di analizzare un enorme volume di dati per aziende che possono normalmente accumulare oltre 1 miliardo di nuovi dati ogni anno," ha detto il dott. Christopher Buckingham della Aston University nel Regno Unito, un partner di ADVANCE. "Questi dati vengono generati ogni minuto di ogni giorno da migliaia di pallet in viaggio su centinaia di rimorchi verso oltre 1 milione di clienti sparsi tra centinaia di migliaia di codici postali".

La dott.ssa Aniko Ekart, anche lei dalla Aston University, ha detto: "I modelli e le dipendenze esistenti nei dati possono essere elaborati in modo costruttivo soltanto attraverso approcci intelligenti di data mining. Il sistema [ADVANCE] fornirà una duplice prospettiva sulle esigenze del trasporto combinando un'analisi immediata per guidare le decisioni a breve termine riguardanti lo schieramento dei mezzi pesanti con piani a lungo termine per gestire il comportamento del network nel suo insieme".

I dottori Buckingham ed Ekart stanno lavorando a questo progetto con un team di ingegneri provenienti dall'Istituto di ricerca in informatica e automazione dell'Accademia delle scienze ungherese (Ungheria), che è il coordinatore del progetto ADVANCE, e dall'Università di Groningen (Paesi Bassi).

Ma visto che quello che conta sono i fatti, i partner di ADVANCE intendono testare il nascente sistema sulla rete di distribuzione di due importanti compagnie di logistica europee: Palletways (Regno Unito) e Technology Transfer Systems (Italia). L'intenzione è quella di mostrare come le teorie e gli strumenti sviluppati durante il progetto possono rendere il sistema di trasporto più efficiente per le compagnie di logistica e, allo stesso tempo, ridurre le loro emissioni di CO2.

Fonte: Aston University

Informazioni correlate