Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

L'olio di cocco combatte la carie dei denti

La carie dei denti è un'infezione che causa la rottura e alla fine la distruzione della materia organica dei denti ed è una della più comuni malattie del mondo. Una nuova ricerca proveniente dall'Istituto di tecnologia di Athlone, in Irlanda, mostra che l'olio di cocco, un ant...

La carie dei denti è un'infezione che causa la rottura e alla fine la distruzione della materia organica dei denti ed è una della più comuni malattie del mondo. Una nuova ricerca proveniente dall'Istituto di tecnologia di Athlone, in Irlanda, mostra che l'olio di cocco, un antibiotico naturale, è in grado di attaccare i batteri che causano la carie. I risultati sono stati recentemente presentati alla Conferenza d'autunno della Società di microbiologia generale 2012 presso l'Università di Warwick, nel Regno Unito. Il team di ricerca ha testato l'azione antibatterica dell'olio di cocco in due stati. Nel suo stato naturale e in un secondo stato nel quale hanno trattato l'olio di cocco con enzimi per simulare un processo simile alla digestione. Gli oli sono stati testati contro ceppi di batteri Streptoccocco, comuni abitanti della bocca. Quello che hanno scoperto è che l'olio di cocco modificato dall'enzima inibiva fortemente la crescita della maggior parte dei batteri Streptococco compreso lo Streptococcus mutans, un battere che produce acido e che è il principale agente causativo della formazione delle cavità dentali umane. Non è il primo studio che dimostra che gli alimenti parzialmente digeriti sono attivi contro i microrganismi. Un lavoro precedente sul latte modificato dagli enzimi aveva mostrato che era in grado di evitare che lo Streptococcus mutans si legasse allo smalto del dente, il che ha spinto il gruppo a studiare l'effetto di altri cibi modificati dagli enzimi sui batteri. "La carie dei denti è un problema sanitario comunemente trascurato che colpisce il 60-90% dei bambini e la maggior parte degli adulti nei paesi industrializzati," ha detto il dott. Damien Brady che coordina la ricerca. "Introdurre l'olio di cocco modificato dagli enzimi nei prodotti per l'igiene orale sarebbe un'interessante alternativa agli additivi chimici, in particolare visto che funziona a concentrazioni relativamente basse. Inoltre con una sempre crescente resistenza agli antibiotici, è importante rivolgere la nostra attenzione a nuovi modi di combattere le infezioni microbiche." Questo studio, comunque, non è che un primo passo. Il gruppo di ricerca porterà avanti lo studio per esaminare come l'olio di cocco interagisce con i batteri Streptococco a livello molecolare e per scoprire contro quali altri ceppi di batteri e lieviti pericolosi è attivo. I test condotti dal gruppo dell'Istituto di tecnologia Athlone hanno mostrato che l'olio di cocco modificato dagli enzimi era nocivo anche al lievito Candida albicans che causa il mughetto. Il lavoro contribuisce anche alla nostra comprensione di attività antibatteriche nell'intestino umano. "I nostri dati suggeriscono che i prodotti della digestione umana mostrano attività antimicrobica. Questo potrebbe avere implicazioni per il modo in cui i batteri colonizzano le cellule che rivestono l'apparato digerente e per la salute generale dell'intestino," ha spiegato il dott. Brady. "La nostra ricerca ha mostrato che la proteina del latte digerito non solo riduce l'aderenza dei batteri dannosi alle cellule umane ma impedisce anche ad alcune di esse di accedere alla cellula. Attualmente stiamo facendo ricerche sull'olio di cocco e altri alimenti modificati dagli enzimi per identificare come essi interferiscono con il modo in cui i batteri causano le malattie," ha detto. Per adesso i ricercatori suggeriscono che l'olio di cocco modificato dagli enzimi potrebbe essere un antimicrobico commercializzabile che potrebbe essere particolarmente interessante per il settore della salute orale. I risultati sono stati presentati alla Conferenza d'autunno della Società di microbiologia generale 2012, che si è tenuta dal 3 al 5 settembre presso l'Università di Warwick. La Società di microbiologia generale (SGM) è un'organizzazione che riunisce scienziati che lavorano in tutti i settori della microbiologia. È la più grande società di microbiologia in Europa con membri in tutto il mondo provenienti da università, industrie, ospedali, istituti di ricerca e scuole.Per maggiori informazioni, visitare: Athlone Institute of Technology http://www.ait.ie/ Society for General Microbiology's Autumn Conference 2012http://www.sgmwarwick2012.org.uk/

Articoli correlati