Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

THERMIE - cooperazione internazionale per la tecnologia nel settore energetico

La Commissione europea, DG XVII, desidera ricordare ai potenziali partecipanti che la componente di dimostrazione (THERMIE) del programma comunitario JOULE/THERMIE relativo alla energia non nucleare è aperta anche agli organismi di Stati che non fanno parte della Comunità euro...
La Commissione europea, DG XVII, desidera ricordare ai potenziali partecipanti che la componente di dimostrazione (THERMIE) del programma comunitario JOULE/THERMIE relativo alla energia non nucleare è aperta anche agli organismi di Stati che non fanno parte della Comunità europea.

Le proposte di azioni THERMIE possono essere presentate in qualsiasi momento nelle aree specificate nel bando di gara pubblicato il 15 dicembre 1994 (GU nr. C 357 del 15.12.1994). Le azioni THERMIE rientrano in due categorie:

- azioni A, che riguardano progetti di dimostrazione miranti ad applicare tecnologie innovative per l'utilizzo razionale di energia, fonti energetiche rinnovabili e combustibili fossili;
- azioni B a sostegno di altre attività, compresi studi di fattibilità e di mercato, workshop, conferenze e attività di formazione.

Gli incentivi comunitari possono coprire fino ad un massimo del 40% i costi delle azioni A e fino al 100% i costi delle azioni B.

Alle azioni in ambito THERMIE patrocinate dall'UE possono partecipare soggetti UE, di Stati associati (Norvegia, Liechtenstein, Islanda e Israele) nonché di Paesi dell'Europa centrale e orientale, Malta, Cipro e Turchia e di Stati europei della ex-URSS. Solo i soggetti degli Stati membri della UE, Norvegia, Islanda e Liechtenstein potranno essere coordinatori di progetto. Alle azioni THERMIE possono partecipare a proprie spese anche tutti i soggetti giuridici dei Paesi legati alla Comunità europea da un accordo di cooperazione tecnico-scientifica (attualmente si tratta di Canada, Sudafrica e Svizzera - la direzione THERMIE può decidere di modificare la lista), nonché gli organismi internazionali.

Per poter accogliere i progetti dei partecipanti extracomunitari, questi dovranno risultare in linea con l'interesse delle politiche comunitarie. Dovranno esserci almeno due PMI ammissibili di almeno due Stati membri (o di uno Stato membro e di un paese associato al programma).

Il termine ultimo per la presentazione delle proposte è il 17 dicembre 1997. Fino a tale scadenza le proposte potranno essere presentate in qualunque momento.


Fonte: Commissione europea, DG XVII

Informazioni correlate

Programmi