Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Formazione nel campo dell'inquinamento accidentale marino

La Commissione europea, DG XI, ha pubblicato un invito a presentare proposte per attività di formazione nel campo dell'inquinamento accidentale marino.

A seguito della risoluzione del Consiglio sull'ambiente e lo sviluppo sostenibile, e in conformità con il parere espresso dal Comitato consultivo in merito al controllo e alla riduzione dell'inquinamento causato dallo scarico in mare di idrocarburi ed altre sostanze pericolose (ACPH), nel corso del 1997 e del 1998 la Commissione europea prevede di erogare sussidi per la realizzazione di corsi comunitari nel campo dell'inquinamento accidentale marino.

Questi corsi devono poter sviluppare e rafforzare le conoscenze tecniche e professionali del personale qualificato delle amministrazioni degli Stati membri incaricato di elaborare piani e misure per fronteggiare tali situazioni di emergenza ambientale.

Oltre a migliorare le competenze del personale, i corsi cercano di stimolare la cooperazione fra gli Stati membri nei casi in cui uno di essi debba affrontare una situazione di inquinamento accidentale che richiede l'intervento anche di altri Stati. Scopo di queste azioni è di contribuire a rafforzare la dimensione europea nella lotta contro l'inquinamento accidentale marino. Inoltre, dovrebbero consentire lo scambio di informazioni e la valorizzazione delle esperienze degli Stati membri in questo campo, istituendo e sviluppando legami professionali a livello dell'Unione.

Le offerte per questi corsi possono essere presentate da società, istituti ed enti dell'Unione del settore privato e pubblico, in possesso delle necessarie competenze nel settore. L'ente appaltante selezionerà le proposte in base alla qualità tecnica ed ai costi.

I corsi non dovranno durare più di sei giorni e potranno riguardare uno qualsiasi dei temi esposti qui di seguito (elenco incompleto):

- gestione delle situazioni di crisi;
- lotta contro l'inquinamento nelle zone costiere e nelle acque basse;
- perdita in mare di contenitori contenenti sostanze chimiche pericolose;
- gestione degli aspetti economici e dei rapporti con le compagnie d'assicurazione ed i mass-media e;
- gestione delle perdite di petrolio e sostanze chimiche;
- corsi di carattere generale sulla lotta contro l'inquinamento accidentale marino.

Saranno proposti tre tipi di corsi comunitari, ciascuno in funzione del personale al quale è destinato.