Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Global Bangemann Challenge: una sfida della Società dell'informazione a tutte le città del pianeta

La "Global Bangemann Challenge" ha origine dalla "Bangemann Challenge" europea, conclusasi formalmente nel gennaio 1997. Nel quadro della Global Bangemann Challenge, l'Europa è in competizione con gli Stati Uniti, il Giappone e il resto del mondo nella ricerca dell'uso più eff...
La "Global Bangemann Challenge" ha origine dalla "Bangemann Challenge" europea, conclusasi formalmente nel gennaio 1997. Nel quadro della Global Bangemann Challenge, l'Europa è in competizione con gli Stati Uniti, il Giappone e il resto del mondo nella ricerca dell'uso più efficiente della tecnologia dell'informazione (TI) in settori chiave specifici. La competizione ha come scopo principale la promozione dello scambio di esperienze e mette a disposizione una tribuna per il confronto di progetti a livello internazionale.

Avviatasi come competizione europea, è ora diventata un'importante rete per lo scambio di esperienze nell'ambito della Società dell'informazione. La Bangemann Challenge, organizzata dalla città di Stoccolma in risposta al "Rapporto Bangemann" e sostenuta dalla Commissione europea, nella sua seconda fase di attività invita a partecipare ogni città del pianeta.

La Global Bangemann Challenge è stata lanciata in risposta a specifica richiesta. Mats Hulth, il sindaco di Stoccolma, spiega: "Il messaggio della Bangemann Challenge si è propagato a città al di fuori dell'Europa e abbiamo ricevuto molte richieste da amministrazioni cittadine che intendono partecipare. Questo fatto ha dimostrato che nel mondo c'era un grande interesse nella condivisione della conoscenza dell'uso della tecnologia dell'informazione per il benessere della gente".

La nuova competizione durerà circa due anni, essendo stata avviata nel gennaio 1997 e con termine previsto per giugno 1999. Il gruppo di coordinamento a Stoccolma prevede di attirare circa 700 candidature da oltre 150 delle maggiori città del pianeta. I progetti possono essere presentati alla Global Bangemann Challenge in 11 diverse categorie:

- nuove strutture imprenditoriali;
- servizi TI per le piccole e medie imprese (PMI);
- commercio elettronico;
- servizio pubblico e democrazia;
- assistenza sanitaria;
- cultura e media;
- TI in tutti i settori dell'istruzione;
- apprendimento lungo tutto l'arco della vita;
- ambiente;
- traffico;
- connettività universale.

I progetti presentati alla Global Bangemann Challenge saranno valutati da una giuria internazionale comprendente rappresentanti di ciascuno dei continenti partecipanti. I principali criteri di valutazione dei progetti riguarderanno i benefici potenziali che essi saranno in grado di offrire alla gente e alla società. Oltre ai risultati di servizio e tecnici di ciascun progetto, la giuria valuterà gli sforzi dei progetti rivolti all'abbattimento della segregazione razziale, alla promozione dell'uguaglianza tra i sessi e al miglioramento delle condizioni per i disabili.

I progetti, inoltre, dovrebbero contribuire allo sviluppo regionale attraverso la creazione di nuove opportunità occupazionali che, in una prospettiva globale, possono avere un impatto positivo sulla pace e prosperità mondiali. La giuria terrà in considerazione anche l'effetto positivo dei progetti sull'ambiente.

Per potersi iscrivere alla competizione, i partecipanti devono dimostrare un sufficiente grado di attuazione dei loro progetti nel corso della competizione.


Fonte: Commissione europea, ISPO

Informazioni correlate