Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Parere IRDAC sulle scienze naturali nel Quinto programma quadro

Il Comitato consultivo della Commissione europea per la ricerca e lo sviluppo nell'industria (IRDAC) ha pubblicato il proprio parere sulle scienze naturali nell'ambito del Quinto programma quadro di RST.

Nel parere si auspica che venga creato, relativamente alle scienze natur...
Il Comitato consultivo della Commissione europea per la ricerca e lo sviluppo nell'industria (IRDAC) ha pubblicato il proprio parere sulle scienze naturali nell'ambito del Quinto programma quadro di RST.

Nel parere si auspica che venga creato, relativamente alle scienze naturali, un programma unico che integri tutti gli aspetti della ricerca, diffusione e valorizzazione dei risultati nonché la cooperazione internazionale. Il programma dovrebbe concentrarsi su questioni ben mirate e, inoltre, sostenere progetti connessi alla biotecnologia e alla percezione del pubblico, poiché ciò contribuirà alla competitività, alla creazione di benessere e posti di lavoro.

Secondo l'IRDAC, la formazione deve essere un elemento critico del programma futuro, in particolare per incoraggiare la fertilizzazione incrociata fra industria e mondo accademico. Inoltre deve esserci continuità con le iniziative di ricerca in atto, avviate nei precedenti programmi, come gli sforzi per il sequenziamento in organismi mirati, le fabbriche della cellula e gli approcci multidisciplinari.

Il programma dovrebbe comprendere anche meccanismi attivatori che favoriscano le funzioni e la partecipazione delle PMI e, allo stesso tempo, contribuire alla valorizzazione dei risultati europei al di fuori del continente, per esempio nei paesi in via di sviluppo. Il parere richiede inoltre che si rafforzino i rapporti con il settore europeo degli investimenti a capitale di rischio e che si privilegi l'integrazione delle tecnologie dell'informazione.

Il parere IRDAC termina suggerendo un numero limitato di ricerche da sostenere nell'ambito del programma, e precisamente nei settori seguenti:

- alimenti salutari e funzionali;
- prodotti farmaceutici: costruire sui punti di forza dell'Europa;
- prodotti biochimici e fabbrica della cellula;
- foreste/legname;
- industria della pesca;
- agricoltura/allevamento;
- ricerca sanitaria e medica.

Il programma proposto dovrebbe essere diviso in due gruppi di attività principali. In primo luogo, un numero limitato di obiettivi mirati di RST e, quindi, un nucleo centrale di iniziative attivatrici e di attività orizzontali per corroborare gli sforzi di ricerca.


Fonte: Commissione europea, Segreteria IRDAC

Informazioni correlate

Programmi