Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Relazione sullo stato della politica delle telecomunicazioni nell'UE

La DG XIII della Commissione europea ha pubblicato una relazione sullo stato della politica delle telecomunicazioni nell'Unione europea. La relazione tratta gli aspetti di regolamentazione delle politiche dell'UE nel settore e intende indicare lo sviluppo di tali politiche e i...
La DG XIII della Commissione europea ha pubblicato una relazione sullo stato della politica delle telecomunicazioni nell'Unione europea. La relazione tratta gli aspetti di regolamentazione delle politiche dell'UE nel settore e intende indicare lo sviluppo di tali politiche e il loro stato di attuazione.

La relazione inizia con una sintetica visione d'insieme dello sviluppo delle politiche nel settore delle telecomunicazioni e passa poi a esaminare nei dettagli i documenti politici, le misure legislative, le attività promozionali e le relazioni internazionali. Secondo la relazione, le politiche nel settore delle telecomunicazioni possono essere viste come parte del processo generale dell'integrazione europea e dello sviluppo del mercato unico.

La prima fase è stata avviata nel 1984, quando sono state attuate misure nei settori dello sviluppo di norme, della ricerca e dell'integrazione delle regioni meno sviluppate. Nel 1987, la Commissione ha pubblicato un Libro verde sullo sviluppo di un mercato comune dei servizi ed apparecchiature di telecomunicazione. Questo ha segnato l'inizio della seconda fase e ha portato all'imminente istituzione, nel gennaio 1998, di un mercato UE delle telecomunicazioni pienamente liberalizzato.

Le misure politiche sono state sviluppate in base a un regolare processo di consultazione, comprendente risoluzioni del Consiglio e del Parlamento europeo. Sono state promosse nuove misure, rese necessarie dall'evoluzione del quadro regolamentare e dai progressi tecnologici. Per ciascun settore, la relazione evidenzia i documenti adottati dalla Commissione e il loro stato e sviluppo a livello europeo.


Fonte: Commissione europea, ISPO