Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Rassegna 1994-1996 del programma SYNERGY

La Commissione europea ha adottato una relazione che analizza le attività del programma SYNERGY per la cooperazione internazionale nel settore dell'energia svolte nel periodo 1994-1996.

I progetti finanziati, durante questo periodo di riferimento, sono stati oltre 200. Tali p...
La Commissione europea ha adottato una relazione che analizza le attività del programma SYNERGY per la cooperazione internazionale nel settore dell'energia svolte nel periodo 1994-1996.

I progetti finanziati, durante questo periodo di riferimento, sono stati oltre 200. Tali progetti hanno riguardato lo sviluppo della cooperazione con i paesi terzi, nell'intento di creare capacità nel settore della politica energetica, anche mediante il trasferimento del know-how e dell'esperienza, e di avviare un dialogo efficace in grado di favorire ulteriormente la cooperazione industriale. I progetti hanno coinvolto sia singoli paesi terzi sia gruppi di paesi in progetti transfrontalieri. Le principali aree geografiche interessate alla cooperazione sono l'Asia, i paesi dell'Europa centrale e orientale, la Comunità di Stati Indipendenti, l'America latina e i paesi mediterranei.

Sino a poco tempo fa il programma SYNERGY ha operato su base annuale sotto la direzione della Commissione. Tuttavia, il 14 aprile 1997 il Consiglio ha adottato una decisione che fa ricadere il programma in un quadro giuridico differente, nel quale gli Stati membri saranno maggiormente coinvolti. Si prevede però che tale accordo subirà una modifica ulteriore, una volta approvato il programma quadro sull'energia attualmente proposto. A questo punto, probabilmente SYNERGY diventerà il componente della cooperazione internazionale del programma.

L'importanza del programma SYNERGY è messa in evidenza dalla dipendenza dei paesi dell'UE nei confronti degli approvvigionamenti esterni. Attualmente, le fonti esterne rappresentano circa il 50% degli approvvigionamenti primari di energia e le previsioni indicano che, prima del 2015, vi sarà un aumento sino al 75%. La necessità di garantire la sicurezza degli approvvigionamenti è, pertanto, uno degli obiettivi principali pianificati nel recente Libro bianco in merito a una politica energetica per l'UE e, nel quadro della strategia per mantenere approvvigionamenti sicuri, le attività di cooperazione rappresentano un elemento essenziale.

Da quando l'iniziativa SYNERGY ha preso l'avvio, nel 1989, quasi la metà della dotazione di bilancio del programma ha sostenuto progetti nell'Europa centrale e orientale e nella Comunità di Stati Indipendenti. Il lavoro svolto ha mirato all'assistenza nella ristrutturazione del settore energetico in tali paesi e rappresenta una parte importante della strategia di preadesione per i paesi dell'Europa centrale e orientale.

Il programma ha sostenuto anche una varietà di progetti in Cina e nei paesi ASEAN. Dalla Dichiarazione di Barcellona del 1995 sulla cooperazione Euro-Mediterranea, SYNERGY ha dedicato un sostegno sempre più accentuato ai progetti che coinvolgono i paesi partner mediterranei. Il programma SYNERGY ha sostenuto anche alcuni progetti in America latina e, al momento, sta cercando di aumentare la cooperazione fra l'UE e l'America latina.


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce

Informazioni correlate