Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

I capitani d'industria transatlantici sollecitano nuove iniziative per legami più stretti

Basandosi sul Nuovo calendario transatlantico siglato nel dicembre 1995, i capitani d'industria europei ed americani, riuniti nell'ambito del dialogo industriale transatlantico, hanno raccomandato alcune iniziative volte ad istituire legami transatlantici.

Le raccomandazioni,...
Basandosi sul Nuovo calendario transatlantico siglato nel dicembre 1995, i capitani d'industria europei ed americani, riuniti nell'ambito del dialogo industriale transatlantico, hanno raccomandato alcune iniziative volte ad istituire legami transatlantici.

Le raccomandazioni, che prendono spesso spunto da strutture ed istituzioni esistenti, riguardano le quattro aree seguenti:

- scambi elettronici: sfruttare le nuove tecnologie per promuovere lo scambio di conoscenze e di esperienze tra le due società e rafforzare la consapevolezza e l'impegno pubblici di una comunità transatlantica. Iniziative volte ad incentivare gli scambi tra esperti del ramo e a stringere i contatti tra cittadini, scuole, città, regioni e legislatori, a favorire il dibattito sulle sfide comuni ed a condividere cultura, lingua e storia;

- società civile: cooperazione tra cittadini USA ed UE per lottare contro aspetti come il crimine, la corruzione, l'emarginazione e l'esclusione. Occorrono iniziative volte a sostenere e ad ampliare la portata dell'azione di associazioni di cittadini, fondazioni, organizzazioni di tipo commerciale, sindacale ed altre non governative miranti a rafforzare l democrazia;

- formazione, cultura e gioventù: programmi di cooperazione e di scambi universitari destinati a studenti e docenti e programmi di scambio per giovani lavoratori, in grado di rafforzare valori comuni e di contribuire ad una migliore comprensione delle culture;

- partner di un'economia globale: la trasformazione indotta dalla recente globalizzazione dell'economia costringe le imprese ad adottare nuove strategie competitive e nuovi modelli organizzativi ed a concentrare l'attenzione sulle qualificazioni e le capacità della forza lavoro. Scambi transatlantici più intensi favoriranno la messa in comune delle pratiche migliori tra le imprese ed i dirigenti sindacali, nonché i dirigenti pubblici, nei settori della formazione, dell'addestramento e dello sviluppo economico.


Fonte: Commissione europea, DG I