Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La futura generazione delle tecnologie di informazione

Il 18 giugno 1997 si è svolta presso il Parlamento europeo di Bruxelles una conferenza di altissimo livello sul futuro delle comunicazioni avanzate: "Secolo XXI: L'era della comunicazione". Organizzata congiuntamente dal Parlamento e della Commissione europea, ha esaminato lo ...
Il 18 giugno 1997 si è svolta presso il Parlamento europeo di Bruxelles una conferenza di altissimo livello sul futuro delle comunicazioni avanzate: "Secolo XXI: L'era della comunicazione". Organizzata congiuntamente dal Parlamento e della Commissione europea, ha esaminato lo sviluppo della futura generazione di tecnologie di comunicazione avanzata sia da un punto di vista politico che tecnologico.

La conferenza è stata una vetrina per alcuni dei progetti finanziati dall'attuale programma di RST specifico della Comunità nel settore delle tecnologie di comunicazione e dei servizi avanzati (ACTS), e dal suo predecessore, RACE. Nel corso della conferenza i partecipanti non solo hanno assistito alla dimostrazione di alcuni progetti, ma grazie al progetto JAMES (Joint ATM - Asynchronous Mode Transfer - Experiment on European Services), finanziato da ACTS, hanno anche potuto partecipare all'avvenimento persone da tutta Europa.

Questa conferenza è stata una delle manifestazioni di una serie di avvenimenti collegati tra loro, tenutisi nel corso della settimana in tutto il mondo, in grado di condividere le sessioni grazie ai recenti sviluppi occorsi nelle tecnologie di comunicazione. Inoltre alcuni degli oratori, compresi eminenti relatori dal Giappone e dal Canada, hanno apportato il proprio contribuito tramite teleconferenza, sottolineando così il potere globale delle moderne tecnologie di comunicazione. Data la rete di servizi di comunicazione interessati nella settimana di conferenze e di avvenimenti, si è trattato probabilmente della più grande dimostrazione mai avuta al mondo delle tecnologie di ATM.

La conferenza "Secolo XXI: L'era della comunicazione" stessa è stata inaugurata dall'On. Umberto Scapagnini, presidente della commissione per la ricerca, per lo sviluppo tecnologico e per l'energia del Parlamento europeo, che ha esposto gli obiettivi della giornata. In primo luogo la conferenza era volta ad aumentare la consapevolezza e la comprensione del ruolo chiave rivestito dalle tecnologie di comunicazione avanzata nella costituzione delle società dell'informazione e, in secondo luogo, verteva sulle considerazioni del contesto politico ed economico nel quale si svolge la ricerca in Europa, onde valutare le priorità europee del futuro.

Durante la sessione del mattino, sono stati trattati gli aspetti politici dello sviluppo delle comunicazioni tramite numerosi interventi da parte di ministri e politici da tutta Europa. Nella sessione pomeridiana si è passati agli aspetti tecnologici, con relatori delle principali società all'avanguardia nello sviluppo delle tecnologie di comunicazione. Quest'ultima sessione era destinata ad essere stimolante in quanto esaminava gli scenari possibili per gli sviluppi delle comunicazioni e anche i risultanti cambiamenti negli stili di vita.

L'intervento conclusivo è stato tenuto dal sig. Robert Verrue, direttore generale della DG XIII per telecomunicazioni, mercato dell'informazione e valorizzazione della ricerca, che ha illustrato il lavoro della Comunità europea sia nel settore delle regolamentazioni che della ricerca, verso lo sviluppo di una società di comunicazione. Commentando l'importanza della tecnologia come "elemento facilitante", il signor Verrue ha asserito che "Lo sviluppo di una infrastruttura di comunicazione avanzata è la pietra angolare ed un presupposto essenziale per costituire la società dell'informazione. In quanto, in realtà, le comunicazioni avanzate determineranno con quale agevolezza e competitività possano funzionare tutti gli altri settori economici in Europa."

Si presume che le opinioni sollevate in occasione della conferenza siano uno stimolo per lo sviluppo delle attività del Quinto programma quadro di RST nel settore delle tecnologie di comunicazione e per lo sviluppo delle politiche comunitarie future.


Fonte: CORDIS Information Collection Unit

Informazioni correlate