Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Parere del CES sul piano d'azione della Società dell'informazione

Nella sessione plenaria del 9 luglio 1997 a Bruxelles, il Comitato economico e sociale delle Comunità europee ha adottato un parere in merito alla comunicazione della Commissione "L'Europa all'avanguardia della Società globale dell'informazione: piano d'azione adattativo conti...
Nella sessione plenaria del 9 luglio 1997 a Bruxelles, il Comitato economico e sociale delle Comunità europee ha adottato un parere in merito alla comunicazione della Commissione "L'Europa all'avanguardia della Società globale dell'informazione: piano d'azione adattativo continuo".

Il Comitato conferma la necessità di un modello europeo di Società dell'informazione che soddisfi non solo le richieste di sviluppo tecnologico e di redditività economica, ma che risponda anche alle esigenze di una società democratica, promuova il pluralismo e la coesione e migliori la qualità della vita.

Nel parere, il Comitato chiede alla Commissione di adottare tutte le misure stabilite nel piano d'azione adattativo continuo concepite per garantire una valida gestione del servizio generale, l'autorizzazione dei servizi e la protezione del diritto del pubblico alla privacy. Inoltre, esso spera che il quadro normativo che regola la liberalizzazione nel settore delle telecomunicazioni entri in vigore entro il 1° gennaio 1998.

Secondo il Comitato, nello sviluppo della Società dell'informazione dovrebbe essere data maggiore importanza al ruolo delle autorità pubbliche. In particolare, occorre rilanciare e dare nuovo impulso ai programmi per la modernizzazione della tecnologia nei pubblici servizi, nonché intraprendere esaurienti programmi di formazione per impiegati statali.

Il Comitato sottolinea l'importanza dell'informazione e della formazione sia per gli adulti che per i giovani, per assicurare che essi siano consapevoli delle opportunità offerte dalla Società dell'informazione e ne traggano il massimo vantaggio. È di fondamentale importanza evitare che ampi settori di popolazione non siano in grado di approfittare delle opportunità offerte dalla Società dell'informazione. Il Comitato si preoccupa anche che venga accordata sufficiente attenzione alla protezione dei minori, in termini di contenuti dei servizi e uso di Internet.


Fonte: Comitato economico e sociale delle Comunità europee