Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione approva otto progetti relativi alle encefalopatie spongiformi trasmissibili

La Commissione europea ha approvato il finanziamento di otto progetti di ricerca a compartecipazione finanziaria relativi alle encefalopatie spongiformi trasmissibili. I progetti approvati sono quelli pervenuti a seguito del primo invito a presentare progetti di ricerca relati...
La Commissione europea ha approvato il finanziamento di otto progetti di ricerca a compartecipazione finanziaria relativi alle encefalopatie spongiformi trasmissibili. I progetti approvati sono quelli pervenuti a seguito del primo invito a presentare progetti di ricerca relativi alle encefalopatie spongiformi trasmissibili, pubblicato nel dicembre 1996 (GU N° S 244 del 17.12.1996, pag.38), nel quadro del programma specifico di ricerca e sviluppo nel settore dell'agricoltura e della pesca (FAIR).

Come "primo passo" nell'ambito del programma di azione di ricerca sulle encefalopatie bovine spongiformi (BSE) ed altre malattie da prioni questi progetti avranno a disposizione una dotazione totale di 8.8 milioni di ECU nell'ambito del programma FAIR. Il progetto comporta la partecipazione di nove Stati membri dell'UE, tre paesi associati al programma FAIR (Norvegia, Islanda, Israele) e Cipro.

Gli otto progetti adottati riguardano temi di ricerca basati sulle priorità scientifiche identificate dal gruppo di lavoro presieduto dal Professor Weissmann, che rientrano nel piano di azione. Grande importanza è attribuita allo sviluppo di test specifici, sensibili e veloci sugli animali vivi nella prima fase della malattia, nonché sui tessuti degli animali abbattuti. La ricerca di test diagnostici comprende tra l'altro uno studio approfondito sulle caratteristiche molecolari e cellulari dell'agente.

Va sottolineata l'importanza di un'analisi comprensiva dei fattori genetici che influenzano la variabilità della vulnerabilità alla BSE ed alla malattia del trotto, nonché della creazione di una vasta rete europea incaricata di studiare la vulnerabilità alla malattia del trotto delle principali razze ovine e caprine europee e la loro interazione con diversi ceppi della malattia. E' inoltre previsto lo sviluppo di topi geneticamente modificati per le prove biologiche necessarie per determinare la contagiosità delle EST e valutarne la trasmissione in diverse specie.

Questo primo, importante passo nel piano di azione di ricerca sulle encefalopatie spongiformi trasmissibili dovrebbe fornire informazioni di rilievo circa tali malattie e strumenti importanti per controllarle e sradicarle.


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce

Informazioni correlate