Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Parere preliminare del CES sul Quinto programma quadro

La "Sezione per l'energia, le questioni nucleari e la ricerca" del Comitato economico e sociale delle Comunità europee ha approvato un parere preliminare sulla proposta della Commissione per il Quinto programma quadro. Approvato alla presenza della Sig.ra Edith Cresson, Commis...
La "Sezione per l'energia, le questioni nucleari e la ricerca" del Comitato economico e sociale delle Comunità europee ha approvato un parere preliminare sulla proposta della Commissione per il Quinto programma quadro. Approvato alla presenza della Sig.ra Edith Cresson, Commissario per la politica di ricerca, il parere sarà presentato per l'approvazione definitiva il 1° e il 2 ottobre 1997 alla sessione plenaria del CES.

Steso dal Sig. Barnabei (Italia - Gruppo dei datori di lavoro), il parere dà grande importanza all'esigenza di maggiore concentrazione, flessibilità, coordinamento e coerenza delle attività di ricerca comunitarie in un periodo di globalizzazione del mercato, accelerazione del processo di innovazione e ampliamento dell'UE.

In particolare, il parere evidenzia l'esigenza di:

- coordinare attentamente le risorse a livello regionale, nazionale, europeo e comunitario, dato che le risorse dell'UE rappresentano soltanto il 4% di quelle complessivamente a disposizione nel sistema europeo;

- ristabilire un clima di fiducia tra la ricerca dell'UE e il pubblico, con procedure più chiare, accessibili, aperte e di basso costo;

- prevedere tempi e indicazioni chiare per una strategia comune basata su scenari tecnologico/industriali concordati e accettati, fondando il tutto su un ruolo interistituzionale nuovo per il Centro comune di ricerca;

- concentrare gli sforzi di ricerca soltanto su dieci azioni chiave (invece delle 16 proposte dalla Commissione) con una soglia minima di risorse, pubbliche e private, di almeno 1 miliardo di ECU, obiettivi ben definiti a breve, medio e lungo termine, nonché tempi predeterminati;

- espandere la campagna a favore dell'innovazione, attribuendole un ruolo chiaro nelle azioni chiave e nei programmi specifici nonché intensificando le azioni orizzontali a sostegno delle piccole imprese, potenziando la cooperazione internazionale e rendendo più orientate all'industria la mobilità e la formazione nel settore della ricerca;

- lanciare piani di base tecnico/legali in conformità a quanto previsto nel Trattato riguardo a programmi supplementari, attività a "geometria variabile" e imprese congiunte (articoli 130k, l ed m).

Per quanto concerne i finanziamenti da rendere disponibili per la RST nell'ambito del Quinto programma quadro, il parere preliminare del CES propone un bilancio di 17 miliardi di ECU per la durata del Programma (1998-2002). Attualmente la proposta finanziaria della Commissione europea è in fase di completamento ed è attesa a breve termine.


Fonte: Comitato economico e sociale

Informazioni correlate