Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Rapporto sullo stato delle foreste in Europa - 1997

La Commissione europea ha pubblicato il rapporto 1997 sullo stato delle foreste che documenta per la prima volta le condizioni delle foreste a livello europeo. Il documento fornisce le prove di una diminuzione della vitalità delle foreste nello scorso anno, che si è peraltro r...
La Commissione europea ha pubblicato il rapporto 1997 sullo stato delle foreste che documenta per la prima volta le condizioni delle foreste a livello europeo. Il documento fornisce le prove di una diminuzione della vitalità delle foreste nello scorso anno, che si è peraltro rivelata minore rispetto agli anni precedenti.

La relazione si basa sull'inventario dello stato delle corone nel 1996 e su inventari recenti dello stato dei suoli e dello stato nutrizionale degli alberi forestali stabiliti in base al controllo intensivo degli ecosistemi forestali svolto in circa 850 punti di osservazione. L'inventario copre i 15 Stati membri dell'UE e altri 14 paesi europei.

L'inventario rivela che lo scorso anno la perdita di aghi/foglie nelle corone degli alberi riscontrata, ha continuato ad aggravarsi. Questo deterioramento si manifesta in quasi tutte le regioni climatiche e tra la maggior parte delle specie. In particolare, a destare preoccupazione sono le latifoglie in quanto meno del 50% degli alberi presi a campione sono stati giudicati non danneggiati. L'inventario mostra altresì che i suoli forestali presentano un'acidità molto elevata nel 42% dei punti di osservazione.

Nel 1994 la Commissione ha istituito un programma per il controllo degli ecosistemi forestali. Attualmente sono presenti 501 punti di controllo e alla fine del 1996 sono state sottoposte le prime serie di dati raccolti, il cui esame dettagliato è attualmente in corso. Il programma di controllo mira ad aumentare la comprensione dell'impatto che agenti inquinanti atmosferici e altri fattori che danneggiano hanno sugli ecosistemi forestali.


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce

Argomenti

Agricoltura