Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Relazione dell'AEA relativa allo stato dell'ambiente (1998) - Assistenza nell'ambito del controllo e dello sviluppo dei capitoli

L'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) ha pubblicato un invito a presentare proposte per l'assistenza nell'ambito del controllo e dello sviluppo di capitoli per la relazione dell'AEA (1998) relativa allo stato dell'ambiente.

Lo scopo principale dell'AEA riguarda segnatamente la produzione di informazioni obiettive, affidabili e comparabili destinate ai responsabili incaricati della definizione, dell'applicazione e dello sviluppo ulteriore della politica ambientale europea, nonché al pubblico europeo in generale. Uno dei più importanti mezzi di pubblicazione e diffusione delle informazioni è costituito dalle relazioni sullo stato dell'ambiente.

L'AEA sta preparando la stesura della relazione relativa ai prossimi tre anni che dovrà essere pronta per il mese di dicembre 1998. La portata geografica della relazione riguarda i 15 Stati dell'UE, la Norvegia, l'Islanda, il Liechtenstein, i 10 paesi dell'Europa centrale e orientale, le regioni artiche e baltiche confinanti con l'UE e le regioni mediterranee transfrontaliere.

La relazione descriverà lo stato dell'ambiente attuale e quello prevedibile. Dovranno essere affrontate le aree prioritarie, in particolare le aree transfrontaliere, plurinazionali e globali. Dovranno essere presi in considerazione tendenze e sviluppi futuri nei settori economici che influenzano lo stato dell'ambiente.

Al fine di completare la fase organizzativa istituita dall'Agenzia per la gestione dello sviluppo e della progettazione dei capitoli, l'Agenzia è alla ricerca di consulenti in possesso di un'esperienza nei settori dell'economia ambientale, della geografia e delle scienze della terra. I consulenti dovranno fornire assistenza nell'ambito della coordinazione delle valutazioni integrate (comprese, ove possibile, valutazioni prospettive) di problemi ambientali specifici e argomenti connessi già in programma. Essi saranno quindi incaricati del controllo e dell'elaborazione dei capitoli corrispondenti.

I problemi e gli argomenti da affrontare nell'ambito di questa assistenza supplementare corrispondono ad un gruppo di temi o capitoli della relazione. E' necessario un consulente per ciascuno dei seguenti gruppi o temi:

- 1) demografia, sviluppo socioeconomico, categoria dei rifiuti;
- 2) cambiamenti climatici, impoverimento dell'ozono, acidificazione e smog fotochimico;
- 3) biodiversità e stato dei mezzi di comunicazione ambientali;
- 4) questioni relative alla salute umana, incidenti e sostanze pericolose;
- 5) analisi regionali (zone urbane, zone rurali, zone costiere zone montane).

Le attività dell'AEA devono essere integrate dall'assistenza da parte di consulenti a livello della coordinazione generale, in particolare il controllo della stesura e la consegna di un insieme di capitoli collegati. Ciò comporterà l'organizzazione di discussioni tecniche e scientifiche con i redattori dei vari capitoli. Tali redattori sono membri dei cosiddetti centri tematici europei, che lavorano per l'AEA sulla base di un contratto, oppure consulenti esterni selezionati nell'ambito di un precedente bando di gara (EEA/AIA/005/97). Le discussioni verranno organizzate e orientate in stretta collaborazione con il direttore del progetto della relazione dell'AEA 1998.

Informazioni dettagliate circa gli obiettivi della relazione dell'AEA 1998, la sua portata ed il suoi contenuti saranno disponibili su richiesta, così come le specifiche tecniche contenenti i requisiti relativi al presente bando di gara.

Il lavoro dovrà essere eseguito entro un periodo di dieci mesi a partire da gennaio 1998. Il lavoro implicherà frequenti contatti ed una stretta collaborazione con il direttore del progetto di redazione della relazione dell'AEA 1998. L'elemento principale consisterà nei contatti con i redattori e con gli esperti dei centri tematici europei dell'AEA.

Informazioni correlate