Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Indagine europea sulla società dell'informazione: risultati provvisori

L'Indagine europea sulla società dell'informazione (European Survey of the Information Society - ESIS) è stata lanciata nel febbraio 1997 dall'Ufficio dei progetti della società dell'informazione (Information Society Project Office - ISPO) della Commissione europea. Dopo i pri...
L'Indagine europea sulla società dell'informazione (European Survey of the Information Society - ESIS) è stata lanciata nel febbraio 1997 dall'Ufficio dei progetti della società dell'informazione (Information Society Project Office - ISPO) della Commissione europea. Dopo i primi sette mesi dell'attività di indagine, l'ISPO ha presentato una relazione intermedia sui risultati conseguiti.

Obiettivo dell'ESIS è uno studio sulle azioni e sui progetti condotti dagli Stati membri nel campo della società dell'informazione. Il progetto, la cui attività è prevista inizialmente per un periodo di due anni, sarà condotto da organizzazioni di ciascuno Stato membro con il coordinamento a livello europeo da parte dell'ISPO.

L'attività centrale dell'ESIS è la creazione di un inventario di progetti. Tali progetti devono utilizzare tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni in un modo interattivo e innovativo e fornire la possibilità di accesso a distanza. L'inventario sarà realizzato in base a un questionario standard presentato dai promotori dei progetti. Sinora circa 10.000 questionari sono stati inviati a promotori di progetti di tutta l'Europa e oltre 600 questionari completati sono stati restituiti e inseriti nella banca dati ESIS.

Pertanto, ora sono disponibili analisi preliminari qualitative e quantitative, a livello nazionale ed europeo, basate su dati e statistiche reali (tipo di promotori, centro di interesse del progetto e settori di applicazione, gruppi obiettivo, livello geografico nello sforzo di sviluppo e nell'accesso utenti, tecnologie impiegate, fonti di finanziamento, ecc.).

Per quanto concerne i settori di applicazione interessati dai progetti, quello più rappresentato è il settore istruzione e formazione con una percentuale del 40%. Altri settori a forte presenza comprendono: pubblica amministrazione e governo (30%); industria e commercio (27%); lettere, cultura e spettacolo (22%). Il settore che ha ricevuto il minor numero di progetti è stato quello dei trasporti e dello sviluppo ambientale.

I questionari indicano che i principali ostacoli allo sviluppo dei progetti sono di natura finanziaria (costi legati allo sviluppo e all'infrastruttura). Tra gli altri ostacoli possiamo annoverare i limiti alle risorse umane e le questioni giuridiche. È molto interessante notare che la resistenza degli utenti viene vista come l'ostacolo meno importante. Attualmente sono in preparazione risultati statistici più completi e aggiornati del progetto e si prevede la loro disponibilità on-line entro i prossimi mesi.

L'iniziativa ESIS comprende anche il monitoraggio e l'analisi a carattere regolare delle nuove regolamentazioni nonché azioni mirate alla promozione di iniziative pubbliche e private nella società dell'informazione. Compendi nazionali, basati su relazioni analitiche dettagliate, mettono in evidenza i principali sviluppi in questo settore e vengono aggiornati trimestralmente. Le 15 relazioni presentano un panorama europeo senza precedenti. È in preparazione una sintesi che sarà presentata a breve scadenza.

La prima conferenza ESIS si terrà a Bruxelles nel dicembre 1997. L'avvenimento, durante il quale terrà un discorso il Commissario Martin Bangemann, comprenderà una presentazione dei principali risultati (aggiornati) dei progetti ESIS. Il programma della conferenza sarà presto disponibile sul server WWW ISPO (vedi indirizzo qui sotto).


Fonte: Ufficio dei progetti della società dell'informazione

Informazioni correlate