Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione adotta un nuovo Programma nucleare illustrativo

La Commissione europea ha adottato per tutti gli Stati membri un nuovo Programma nucleare illustrativo (Illustrated Nuclear Programme - PINC), volto ad incoraggiare lo sviluppo coordinato del settore nucleare all'interno della UE.

Il nuovo programma è il quarto Programma nucl...
La Commissione europea ha adottato per tutti gli Stati membri un nuovo Programma nucleare illustrativo (Illustrated Nuclear Programme - PINC), volto ad incoraggiare lo sviluppo coordinato del settore nucleare all'interno della UE.

Il nuovo programma è il quarto Programma nucleare illustrativo completo ad essere pubblicato dalla Commissione secondo il Trattato Euratom, e segue la bozza pubblicata nel settembre 1996. Ha come obiettivo primario quello di collocare l'industria nucleare nel contesto della politica generale comunitaria in materia di energia. L'Europa possiede un'industria nucleare piuttosto consolidata, in grado di produrre circa un terzo del fabbisogno energetico della Comunità. Tuttavia, alcuni Stati membri non hanno mai costruito delle centrali nucleari mentre altri ne stanno pianificando la chiusura.

Il futuro dell'energia nucleare dipende dalla sua accettazione da parte dei politici e del pubblico. Negli ultimi anni, e particolarmente dall'incidente di Cernobil, il grado di accettazione del pubblico è diminuito. Tuttavia, la domanda di energia continua, e continuerà ad aumentare nel prossimo futuro, sia in Europa sia in altri paesi. L'energia nucleare offre dei vantaggi per la sicurezza della fornitura, le attuali conoscenze tecniche e l'impatto ambientale. In particolare, riducendo il consumo europeo di combustibili fossili, e per il suo utilizzo in sostituzione di petrolio, carbone e gas, contribuisce a raggiungere gli obiettivi prefissati di riduzione delle emissioni di CO2.

Il PINC intende offrire il proprio contributo nel rispondere alle preoccupazioni del pubblico su diversi aspetti quali sicurezza, trasporto, gestione, immagazzinaggio e smaltimento delle scorie radioattive, decommissionamento ed i pericoli causati dalla proliferazione delle armi nucleari. Copre inoltre temi di interesse pubblico su tali aspetti in relazione ai paesi dell'Europa centrale e orientale, nonché argomenti di più ampio respiro circa la cooperazione internazionale nel settore dell'energia nucleare. La proposta della Commissione per quanto riguarda l'elemento Euratom del Quinto programma quadro di RST tratta anche lo sviluppo di tecnologie volte ad aumentare la generazione di energia nucleare ed i miglioramenti alla sicurezza.

In essa vengono suggeriti i seguenti principi sui quali basare le attività nucleari comunitarie:

- gli Stati membri hanno il diritto di decidere se sviluppare o non sviluppare impieghi pacifici dell'energia nucleare;
- queste decisioni devono essere rispettate;
- gli Stati membri che scelgono di usare l'energia nucleare devono garantire la massima sicurezza, il rispetto degli accordi di non proliferazione nonché assicurare un alto livello di protezione della salute umana;
- sebbene i singoli Stati membri e gli operatori del settore siano responsabili della sicurezza, condividono a riguardo una responsabilità collettiva nei confronti di tutti i cittadini europei.


Fonte: Commissione europea, Segretariato generale

Informazioni correlate