Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Il Consiglio Energia vicino all'accordo sulla liberalizzazione del mercato del gas

Il 27 ottobre 1997, i Ministri per l'energia dell'UE si sono riuniti in una sessione straordinaria del Consiglio Energia, con all'ordine del giorno un unico argomento: la proposta di direttiva sulla liberalizzazione dei mercati del gas dell'UE.

Nella riunione i Ministri non s...
Il 27 ottobre 1997, i Ministri per l'energia dell'UE si sono riuniti in una sessione straordinaria del Consiglio Energia, con all'ordine del giorno un unico argomento: la proposta di direttiva sulla liberalizzazione dei mercati del gas dell'UE.

Nella riunione i Ministri non sono giunti a un accordo, ma sono stati tuttavia registrati significativi progressi in quanto tutti i partecipanti hanno confermato il proprio desiderio di conseguire l'accordo in sede di prossimo Consiglio Energia, previsto l'8 dicembre 1997. Le discussioni hanno riguardato tutti gli argomenti non ancora definiti e sono stati fatti progressi in diversi settori. I Ministri hanno chiesto ai propri funzionari di proseguire negli sforzi per decidere le rimanenti questioni onde consentire, in dicembre, l'accordo su una posizione comune.

La liberalizzazione del mercato interno nel settore del gas è uno degli assi portanti della politica energetica comunitaria. Dopo l'adozione nel 1996 della direttiva parallela sul mercato dell'elettricità, l'adozione della direttiva nel settore del gas costituisce una delle misure del recente piano d'azione della Commissione per il completamento del mercato unico. Una volta adottata, la direttiva consentirà ai fornitori di gas di qualsiasi Stato membro di approvvigionare utenti in qualsiasi altro Stato membro, in base a principi di mercato trasparenti.

Gli argomenti principali ancora in discussione al Consiglio riguardano la velocità di apertura del mercato e le soglie di consumo ai quali il mercato sarà aperto. Un'altra questione di rilievo concerne lo status dei contratti "prendi o paga" con i quali i fornitori legano loro stessi ai produttori per lunghi periodi, onde creare il livello di investimento richiesto dal produttore per promuovere lo sviluppo di giacimenti di gas.


Fonte: Consiglio dell'Unione europea