Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma ARIANNA - sostegno al settore del libro e della lettura

E' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la decisione che istituisce il programma comunitario di sostegno, comprendente la traduzione, al settore del libro e della lettura (ARIANNA).

La dotazione finanziaria del programma ARIANNA, per il periodo dal 1997 al 1998, è fissat...
E' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la decisione che istituisce il programma comunitario di sostegno, comprendente la traduzione, al settore del libro e della lettura (ARIANNA).

La dotazione finanziaria del programma ARIANNA, per il periodo dal 1997 al 1998, è fissata a 7 milioni di ECU. Il programma, per il tramite della traduzione, intende promuovere una più ampia diffusione delle opere letterarie di qualità del XX secolo; la diffusione di opere drammatiche contemporanee; la diffusione di opere di riferimento, ai fini di una migliore conoscenza e comprensione della cultura e della storia dei popoli europei. In particolare saranno incoraggiate le traduzioni delle opere scritte nelle lingue europee meno diffuse o le traduzioni verso tali lingue.

Altre attività stimolate da ARIANNA saranno, tra l'altro:

- gli scambi di esperienze e know-how, nonché lo sviluppo di iniziative in compartecipazione volte a facilitare l'accesso alle informazioni relative alla diffusione del libro e la promozione della lettura;
- l'incoraggiamento di una traduzione di qualità delle opere letterarie, accordando un sostegno comunitario al perfezionamento dei traduttori letterari;
- il sostegno delle iniziative di cui sopra tramite l'incentivazione di progetti di studi e di ricerca innovativi.

Il programma ARIANNA integra i programmi culturali Caleidoscopio e Raffaello, nonché altri programmi d'azione nel settore dell'istruzione e della formazione professionale. Si noti che la Commissione prevede di presentare nel 1998 una proposta di programma culturale comunitario, complessivo ed unico, in grado di compendiare tutte le attività ora oggetto di programmi diversi. L'iniziativa è in linea con il dibattito svoltosi il 30 giugno 1997 in seno al Consiglio della cultura, durante il quale i ministri hanno appoggiato il principio di un programma culturale unico.


Fonte: Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee

Informazioni correlate