Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Parere dell'IRDAC sul Piano d'azione per l'Innovazione

Il Primo piano d'azione per l'Innovazione in Europa è l'argomento dell'ultimo parere dell'IRDAC, il Comitato consultivo per la ricerca e lo sviluppo industriali della Commissione. L'IRDAC approva il Piano d'azione che risponde al desiderio di vedere un approccio integrato vers...
Il Primo piano d'azione per l'Innovazione in Europa è l'argomento dell'ultimo parere dell'IRDAC, il Comitato consultivo per la ricerca e lo sviluppo industriali della Commissione. L'IRDAC approva il Piano d'azione che risponde al desiderio di vedere un approccio integrato verso l'innovazione creata.

In particolare, il Comitato è soddisfatto che la Commissione abbia fatto dell'innovazione un obiettivo specifico per tutti gli strumenti comunitari, quali i Fondi strutturali, oltre al Quinto programma quadro di RST. Tuttavia, si duole che la Commissione non abbia esposto un programma dettagliato per l'attuazione delle diverse misure proposte.

Il parere delinea le misure che secondo l'IRDAC sono prioritarie. Invita la Commissione a dare forte priorità alla creazione di un quadro legale, regolatore e finanziario tendente all'innovazione. Questo potrà comprendere misure per migliorare la mobilità dei ricercatori, l'accesso al capitale, in particolare al capitale di rischio, e il sistema dei brevetti europeo. La Commissione dovrebbe altresì prendere delle misure per sensibilizzare i ricercatori, le PMI e gli investitori circa le questioni di innovazione, compresi i diritti di proprietà intellettuale.

Anche la creazione di una cultura dell'innovazione è sostenuta dall'IRDAC, che richiede uno spirito creativo ed imprenditoriale da stimolare ad uno stadio precoce. Sempre secondo l'IRDAC, gli studenti devono essere attirati verso le aree scientifiche e tecnologiche, ma devono anche ricevere una formazione in aree quali la gestione e l'amministrazione. Mentre l'azione in questo settore è fondamentalmente responsabilità degli Stati membri, la Commissione può svolgere un ruolo importante nei campi quali la mobilità dei giovani ricercatori e ingegneri.

Per quanto riguarda il guidare la ricerca verso l'innovazione, l'IRDAC richiede che gli sforzi finanziari del Quinto programma quadro siano concentrati sui progetti innovativi in termini di scienza e tecnologia e su quelli che sono più orientati verso l'utente. Mentre i criteri di selezione dovranno essere chiari ed esaustivi, le procedure di selezione dovranno essere semplificate nonché velocizzate.


Fonte: Commissione europea, Segreteria IRDAC

Informazioni correlate