Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

EITC'97 - Convergenza: creare il futuro

Dal 24 al 26 novembre, a Bruxelles, si è tenuta EITC'97, la Conferenza ed esposizione europea sulle tecnologie dell'informazione organizzata da ESPRIT, il programma di ricerca sulle tecnologie dell'informazione dell'Unione europea. Tema centrale della manifestazione EITC di qu...
Dal 24 al 26 novembre, a Bruxelles, si è tenuta EITC'97, la Conferenza ed esposizione europea sulle tecnologie dell'informazione organizzata da ESPRIT, il programma di ricerca sulle tecnologie dell'informazione dell'Unione europea. Tema centrale della manifestazione EITC di quest'anno era la convergenza e il relativo impatto sul futuro sviluppo della società dell'informazione.

Alle tre giornate di presentazioni e workshop hanno assistito circa 2.000 persone che hanno anche visitato l'esposizione dove 80 stand presentavano esempi concreti di nuove tecnologie e applicazioni che mettono in luce la capacità di risposta europea allo sviluppo della società dell'informazione. Sia nella conferenza che nell'esposizione è stata dimostrata la crescente tendenza verso la convergenza, riflettendo in tal modo il tema della conferenza. La precedente convergenza tra i settori delle telecomunicazioni e delle tecnologie dell'informazione sarà ora seguita dalla convergenza di fornitori di servizi e fornitori di contenuti.

Durante la conferenza, le sessioni hanno offerto aggiornamenti sugli sviluppi più recenti relativi alle tecnologie fondamentali e promosso il dibattito su svariati argomenti di attualità. La discussione sulle modalità con le quali le nuove tecnologie e applicazioni influenzeranno la vita quotidiana della gente ha interessato la maggior parte della conferenza che, pertanto, ha preso in esame nuovi modi di lavorare, apprendere, divertirsi, fare affari e socializzare; la conferenza si è occupata anche di come la società dell'informazione possa essere gestita e regolamentata in un periodo di convergenza.

I discorsi programmatici tenuti da Jorma Ollila, capo della Nokia, e Nicholas Negroponte, direttore del laboratorio sui mezzi d'informazione del Massachusetts Institute of Technology (MIT), hanno offerto due punti di vista personali sullo sviluppo futuro della società dell'informazione. A parere del Sig. Ollila, la prossima fase sarà imperniata sullo sviluppo di una società dell'informazione senza fili, con comunicazioni personalizzate che impiegano servizi multimediali avanzati. Nokia, ha affermato, sarà all'avanguardia nello sviluppo di una piattaforma globale aperta per consentire ai servizi ad alto contenuto di dati di utilizzare reti senza fili.

Secondo il Sig. Negroponte, i governi e le persone di tutto il mondo sottovalutano enormemente l'impatto della società globale dell'informazione e, inoltre, sono necessari sforzi ancora più rilevanti per coinvolgere i bambini nello sviluppo della stessa, poiché saranno loro a trarne vantaggio. Egli ha auspicato un cambio di atteggiamento in Europa dove, esclusa la Scandinavia, è ancora molto bassa la disponibilità di accessi a Internet e anche di home computer. Ha inoltre affermato che una parte della soluzione risiede nella riduzione del costo delle telefonate urbane, suggerendo che l'accesso dei bambini a Internet dovrebbe essere come respirare una boccata d'aria pura.

L'innovazione e il trasferimento tecnologico hanno costituito un altro aspetto di rilevante importanza dell'avvenimento. In aggiunta all'esposizione, i partecipanti sono stati in grado di esaminare e utilizzare diversi servizi on-line di diffusione dei risultati, compresi CORDIS e PROSOMA, il servizio del programma ESPRIT per "trasformare l'innovazione in un affare". Alcune sessioni relative all'accesso ai fondi sono state concepite appositamente per aiutare le società ad attirare finanziamenti per lo sviluppo e la commercializzazione di nuovi prodotti. Una trentina di società sono state invitate a un forum sugli investimenti, nel corso del quale hanno avuto la possibilità di presentare la propria attività e i propri prodotti a un'ampia gamma di potenziali investitori.


Fonte: CORDIS Information Collection Unit

Informazioni correlate