Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Rendimento energetico e occupazione

La Commissione europea ha approvato l'erogazione di contributi a favore di un nuovo studio di vasta portata sugli effetti degli investimenti nel settore del risparmio energetico sull'occupazione dell'Unione europea. Volto a definire l'effetto dell'aumento degli investimenti ne...
La Commissione europea ha approvato l'erogazione di contributi a favore di un nuovo studio di vasta portata sugli effetti degli investimenti nel settore del risparmio energetico sull'occupazione dell'Unione europea. Volto a definire l'effetto dell'aumento degli investimenti nel settore del risparmio energetico sulla creazione di posti di lavoro, lo studio è uno dei contratti più importanti che mai siano stati stipulati nell'ambito del programma comunitario SAVE II per la promozione del rendimento energetico nell'Unione europea.

Al progetto parteciperanno agenzie dell'energia, istituti di ricerca e consulenti attivi in nove diversi Stati membri; esso si sforzerà di determinare il numero e il genere di posti di lavoro creati dagli investimenti nel settore del risparmio energetico. A tal fine il progetto:

- eseguirà una serie di studi di caso sui programmi di investimento nel settore dell'economia energetica. In base a ciò quantificherà il numero di posti di lavoro creati da tipi di programmi specifici, il livello di qualificazione richiesto ed il tipo di persone che intendono intraprendere questo genere di lavoro;
- valuterà gli effetti più ampi degli investimenti nel settore del risparmio energetico attraverso modelli di analisi input-output;
- esaminerà diversi programmi di politiche d'investimento ricorrendo a modelli di analisi di equilibrio generale;
- confronterà i risultati ottenuti con le varie politiche occupazionali, stabilendo i livello di occupazione derivanti da un aumento degli investimenti nel settore del risparmio energetico.

Il progetto completo durerà 21 mesi; nel luglio 1999 dovrebbero essere pubblicati i risultati definitivi. Il coordinamento sarà assicurato dall'Association for the Conservation of Energy, che ha sede a Londra.

Si tratta di un'iniziativa importante e tempestiva sia sotto il profilo dell'occupazione, sia del risparmio energetico. Migliorare il rendimento energetico è uno dei modi più efficaci per ridurre le emissioni di diossido di carbonio e contribuire a limitare la minaccia di un cambiamento climatico. E' chiaro da tempo che gli investimenti in risparmio energetico consentono di economizzare denaro e di migliorare la competitività dell'industria. Anche le famiglie ricaveranno vantaggi economici da un minore consumo di energia.


Fonte: Commissione europea, servizio del portavoce

Informazioni correlate