Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

INCO-COPERNICUS: risultati preliminari dell'invito 1997

Il 15 aprile 1997 (GU n. C 117 del 15.4.1997, p. 38) è stato lanciato il secondo invito a presentare proposte di azioni nel quadro del programma INCO-COPERNICUS per la cooperazione scientifica e tecnica con i paesi dell'Europa centrale e orientale (PECO) e con i Nuovi Stati In...
Il 15 aprile 1997 (GU n. C 117 del 15.4.1997, p. 38) è stato lanciato il secondo invito a presentare proposte di azioni nel quadro del programma INCO-COPERNICUS per la cooperazione scientifica e tecnica con i paesi dell'Europa centrale e orientale (PECO) e con i Nuovi Stati Indipendenti dell'ex Unione Sovietica (NSI). Sono ora disponibili i risultati preliminari di questo invito, chiuso il 26 settembre 1997.

In risposta all'invito, la Commissione ha ricevuto complessivamente 1.300 proposte che sono state valutate da oltre 150 giudici esterni dell'Europa sia orientale che occidentale. Da una prima analisi emerge che l'adozione di un approccio più mirato nell'ambito di questo invito ha avuto un risultato positivo nel ridurre il numero delle candidature. Inoltre, si rileva una maggiore partecipazione di candidati dei NSI, in particolare provenienti dai paesi più distanti, e i coordinatori scientifici individuati nelle proposte appartengono, per lo più, a paesi dell'Europa centrale e orientale e ai NSI.

L'invito verteva, in modo particolare, su quei settori tematici dove era presente un forte sostegno da parte di scienziati dell'Est e dell'Ovest. Qui di seguito vengono indicati i settori presi in esame e il relativo numero di proposte ricevute (indicato tra parentesi):

- Protezione ambientale (316);
- Conseguenze delle radiazioni ionizzanti sull'ambiente e sulla salute (134);
- Attività di ricerca sulla salute (201);
- Energia non nucleare (199);
- Applicazioni avanzate nel settore delle comunicazioni e della telematica (20);
- Tecnologie dell'informazione (137);
- Ricerca su materiali e tecnologie industriali (119);
- Settore agro-alimentare (118);
- Scienze sociali (56).


Fonte: Commissione europea

Informazioni correlate