Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

La Commissione propone nuove norme sulle emissioni di NOx degli aerei

La Commissione europea ha adottato una proposta di direttiva per rafforzare le norme sulle emissioni degli ossidi di azoto per gli aerei civili a reazione. La nuova norma è il 16% più severa rispetto a quelle attualmente in vigore in Europa, e si applicherà ai motori nuovi a d...
La Commissione europea ha adottato una proposta di direttiva per rafforzare le norme sulle emissioni degli ossidi di azoto per gli aerei civili a reazione. La nuova norma è il 16% più severa rispetto a quelle attualmente in vigore in Europa, e si applicherà ai motori nuovi a decorrere dal 2000, mentre per i motori esistenti i nuovi valori dovranno essere rispettati a partire dal 2008.

Le emissioni di ossidi di azoto (NOx) prodotte dagli aerei nella troposfera superiore contribuiscono alla formazione dell'ozono e quindi al cambiamento climatico. Le emissioni degli aerei nelle vicinanze degli aeroporti contribuiscono anche a problemi locali di inquinamento dell'aria. Le emissioni di NOx dagli aerei aumenteranno notevolmente nei prossimi 15 anni, in linea con il previsto raddoppio del traffico aereo.

La proposta della Commissione dovrebbe essere considerata una misura precauzionale che servirà a ridurre il tasso di aumento delle emissioni di NOx senza provocare costi significativi per i fabbricanti. Una volta approvata, non verrà applicata agli aerei registrati nell'UE prima delle date di entrata in vigore effettive, i quali potranno continuare ad essere trasferiti da un registro nazionale all'altro o al di fuori dell'Unione europea. La proposta non si applica neppure agli aerei figuranti nei registri di paesi terzi.

In assenza di norme concordate a livello internazionale, la Commissione ha deciso di intervenire in Europa. Sebbene tali misure avranno un impatto minimo sui paesi terzi, la Commissione continuerà ad esercitare pressioni affinché vengano stabilite a livello internazionale norme accettabili.


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce