Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

180 milioni di ECU saranno destinati a PMI ad alta tecnologia grazie al progetto I-TEC

Grazie a un'iniziativa lanciata dalla Commissione europea, nel corso dei prossimi tre anni le piccole e medie imprese (PMI) tecnologicamente innovative avranno accesso a oltre 180 milioni di ECU in fondi a capitale di rischio. La Sig.ra Edith Cresson, Commissario per la ricerc...
Grazie a un'iniziativa lanciata dalla Commissione europea, nel corso dei prossimi tre anni le piccole e medie imprese (PMI) tecnologicamente innovative avranno accesso a oltre 180 milioni di ECU in fondi a capitale di rischio. La Sig.ra Edith Cresson, Commissario per la ricerca, innovazione, istruzione e gioventù, intervenendo ad una conferenza sul tema "Innovazione e creazione di nuove aziende e posti di lavoro" tenutasi a Parigi il 9 dicembre 1997, ha annunciato la decisione, manifestata da nove gestori di fondi a capitale di rischio, di partecipare al progetto pilota I-TEC della Commissione.

Il progetto I-TEC è stato lanciato nel luglio 1997 per iniziativa della Sig.ra Cresson e viene attuato mediante il programma INNOVATION della Commissione, in collaborazione con il Fondo europeo per gli investimenti (FEI). Il progetto si propone di aumentare, in Europa, la disponibilità di capitale di rischio per le giovani società tecnologicamente innovative contribuendo a realizzare, nell'ambito delle gestioni di fondi a capitale di rischio, una duratura capacità di valutazione e di gestione di tale tipo di investimento. Il sostegno della Commissione viene concesso a condizione che ciascun fondo si sforzi di apportare nuovi capitali e dedichi almeno il 25% di tali capitali ad investimenti nelle fasi di avvio di PMI tecnologicamente innovative.

I primi nove contratti con fondi a capitale di rischio nel quadro del progetto I-TEC sono stati siglati, nel corso dell'incontro di Parigi, dal Sig. Robert Verrue, Direttore generale per le Telecomunicazioni, mercato dell'informazione e valorizzazione della ricerca della Commissione europea. Complessivamente, i nove fondi selezionati hanno stabilito di destinare nei prossimi tre anni oltre 180 milioni di ECU agli investimenti nelle fasi di avvio di PMI ad alta tecnologia.
Si prevede che nei prossimi mesi altri fondi a capitale di rischio entrino a far parte del progetto.

Qui di seguito vengono elencati i primi nove fondi partecipanti:

- Sofinnova Capital II - Parigi (Francia);
- Horizonte Austria Technology Fund - Vienna (Austria);
- Alta-Berkeley V - Londra (Regno Unito);
- Technostart II - Stoccarda (Germania);
- Prelude Trust - Cambridge (Regno Unito);
- Strategic European Technologies - Monaco (Germania);
- MTI 3 - Watford (Regno Unito);
- Phoenix Venture Fonds - Monaco (Germania);
- Capricorn Venture Fund - Lovanio (Belgio).


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce

Informazioni correlate

Programmi