Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Decisione dell'OMC a favore della posizione dell'UE sugli ormoni

L'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ha deciso in favore delle argomentazioni dell'UE a sostegno di un divieto di utilizzo di ormoni a scopo di favorire la crescita. L'organo di appello dell'OMC ha annullato due delle tre conclusioni principali tratte da una commissio...
L'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ha deciso in favore delle argomentazioni dell'UE a sostegno di un divieto di utilizzo di ormoni a scopo di favorire la crescita. L'organo di appello dell'OMC ha annullato due delle tre conclusioni principali tratte da una commissione di esperti che in precedenza aveva esaminato il divieto dell'UE sulle carni di bestiame sottoposto a trattamento ormonale. La Commissione ha accolto la decisione come una vittoria per i consumatori europei. Inoltre, secondo la Commissione, questo fatto dovrebbe accrescere la fiducia nella procedura di risoluzione delle controversie dell'OMC.

L'organo ha deciso che gli Stati membri dell'Unione europea avevano il diritto di istituire livelli più elevati di prevenzione sanitaria per i propri consumatori, rispetto a quelli posti dagli standard internazionali. Ha altresì deciso che il divieto non era contraddittorio rispetto ad altre politiche dell'UE in materia di prevenzione sanitaria. L'organo, tuttavia, ha appoggiato l'opinione della commissione di esperti sul fatto che la valutazione dei rischi sulla quale l'UE ha basato il divieto non era focalizzata specificatamente sui residui nelle carni di bestiame sottoposto a trattamento ormonale.

La Commissione ha accolto la decisione dell'OMC e al momento esamina come l'UE possa attenersi ad essa; in particolare, analizzerà la realizzazione di una nuova valutazione dei rischi in linea con i requisiti previsti dalla decisione.


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce