Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Studi di fattibilità relativi alle nuove applicazioni per il Centro per l'osservazione della terra (COT)

Il Centro comune di ricerca della Commissione europea ha pubblicato un invito a presentare proposte relative allo svolgimento di studi di fattibilità relativi alle nuove applicazioni per il programma Centro per l'osservazione della terra (COT).

Il programma COT della Commissione europea mira a promuovere l'utilizzazione dei dati relativi all'osservazione della terra e a migliorare la comunicazione, su scala europea, nell'ambito della produzione e dello scambio di informazioni e dati fra prestatori di servizi e utenti di informazioni relative all'osservazione della terra. Il Centro per l'osservazione della terra è attualmente in fase di progettazione e attuazione, la cui durata è prevista dal 1996 al 1998.

Gli studi di fattibilità dovranno:

- 1. identificare, per un certo numero di applicazioni, i parametri geofisici che occorre misurare ed i requisiti di qualità applicabili a tali misurazioni (precisione, definizione spaziale, termine di disponibilità, ciclo periodico, ecc.);
- 2. compilare un inventario, descrivendo sinteticamente le metodologie attualmente disponibili per la misurazione dei parametri geofisici mediante i dati spaziali, nonché valutare la loro facoltà e soddisfare i requisiti delle varie applicazioni;
- 3. valutare i miglioramenti previsti grazie all'utilizzazione di nuovi sensori e delle relative metodologie di analisi avanzate;
- 4. elaborare un quadro prospettivo dei miglioramenti eventualmente conseguibili grazie ad un sensore specializzato, ottimizzato per tale applicazione;
- 5. presentare le informazioni raccolte nell'ambito delle quattro fasi precedenti in un documento di riferimento di alta qualità e di facile consultazione, sotto forma di banca dati.

I due settori tematici per i quali dovranno essere presentate offerte distinte, sono i seguenti:

- A. caratterizzazione delle acque continentali e costiere mediante sensori spaziali:
. per il monitoraggio di laghi e fiumi (attività biologica, inquinamento);
. per il monitoraggio della qualità delle acque costiere (compresa la copertura di alghe).

- B. caratterizzazione dell'aerosol in superficie mediante sensori spaziali:
. per il monitoraggio dell'inquinamento urbano/locale, regionale e transfrontaliero;
. per la rappresentazione cartografica delle radiazioni (UV e visibili);
. per effettuare correzioni atmosferiche dei dati ottenuti mediante un sensore ottico spaziale.

Il lavoro dovrà essere concluso nel corso del 1998.

Informazioni correlate

Programmi