Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Reti trans-europee (RTE) - Relazione annuale 1997

La Commissione europea ha pubblicato la relazione annuale per il 1997 sulle reti transeuropee (RTE). In essa vengono illustrati i principali sviluppi delle reti durante il 1997 e si identificano i problemi riscontrati nel corso dell'anno, oltre ad esaminare le sfide future.

D...
La Commissione europea ha pubblicato la relazione annuale per il 1997 sulle reti transeuropee (RTE). In essa vengono illustrati i principali sviluppi delle reti durante il 1997 e si identificano i problemi riscontrati nel corso dell'anno, oltre ad esaminare le sfide future.

Dei 14 progetti prioritari di trasporto identificati nel 1994 in occasione della riunione del Consiglio europeo tenutasi ad Essen, sono stati avviati i lavori di costruzione per 11 di essi. Quattro progetti sono prossimi alla conclusione in parte o nella loro totalità. Almeno quattro dei 14 progetti continuano ad incontrare problemi, sia a livello finanziario sia in termini di difficoltà tecniche o a livello di permessi.

Per quanto riguarda i progetti prioritari sull'energia, è stata completata la maggior parte dei progetti relativi al gas, mentre quelli inerenti l'elettricità stanno avanzando bene. Nel campo delle telecomunicazioni, i 28 progetti Euro-ISDN mostrano risultati incoraggianti, e addirittura 10 di essi sono stati completati entro la fine del 1997.

Durante il 1997, si sono compiuti progressi in relazione agli aspetti giuridici, che faciliteranno la costruzione di dieci importanti progetti RTE. In particolare, il ruolo dei partenariati pubblici-privati è diventato più esplicito. Nel corso dell'anno, le linee guida per le reti di telecomunicazione trans-europee sono state finalmente adottate a giugno, e si è trattato dell'ultima delle importanti decisioni sulle RTE.

Il rapporto fornisce informazioni particolareggiate sui finanziamenti messi a disposizione dei progetti RTE da parte delle diverse fonti dell'UE. Questi includono la linea di bilancio per le RTE, che ammonta a 2.345 milioni di ECU per il periodo 1995-1999, dei quali 1.388 milioni di ECU sono stati sinora utilizzati. Ulteriori finanziamenti provengono dal Fondo Coesione e dai Fondi strutturali, mentre la Banca europea d'investimento (BEI) ha concesso dei prestiti per 4.344 milioni di ECU per i progetti RTE nel corso del 1997.

La Commissione ha inoltre presentato delle proposte di ampliamento, comprendenti diverse iniziative volte a migliorare i collegamenti nel campo dei trasporti e dell'energia tra l'UE ed i paesi dell'Europa centrale ed orientale che hanno fatto richiesta di partecipazione. La Commissione ritiene che le RTE possano svolgere un ruolo importante nel garantire la riuscita di questo ampliamento.


Fonte: Commissione europea, Segretariato generale

Informazioni correlate