Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Comunicazione della Commissione sulla biodiversità: contribuire alla conservazione della vita sulla Terra

La Commissione europea ha adottato una comunicazione relativa a una "Strategia europea in favore della biodiversità" mirata a controbilanciare le attuali tendenze alla riduzione della biodiversità. La "Strategia in favore della biodiversità" della Commissione rappresenta il pr...
La Commissione europea ha adottato una comunicazione relativa a una "Strategia europea in favore della biodiversità" mirata a controbilanciare le attuali tendenze alla riduzione della biodiversità. La "Strategia in favore della biodiversità" della Commissione rappresenta il primo passo verso l'attuazione da parte dell'UE della Convenzione sulla diversità biologica delle Nazioni Unite, risultato della Conferenza di Rio del 1992 e ratificata dall'UE nel dicembre 1993.

Fondata su un processo di consultazioni molto ampio condotto nel corso del 1997, la Strategia contiene gli orientamenti di politica generale. A tale Strategia seguiranno lo sviluppo e l'attuazione di piani d'azione e altre misure volte alla trasposizione degli obiettivi della Convenzione sulla diversità biologica in azioni concrete.

La comunicazione della Commissione fissa innanzi tutto 46 obiettivi strategici suddivisi in quattro principali settori orizzontali:

- Conservazione e uso sostenibile della biodiversità;
- Ripartizione dei benefici derivanti dall'utilizzazione delle risorse genetiche;
- Ricerca, identificazione, monitoraggio e scambio di informazioni;
- Istruzione, formazione e sensibilizzazione.

Tali obiettivi comprendono, per esempio, la promozione dei sistemi di certificazione ecologica basati sull'analisi del ciclo di vita di quei prodotti la cui produzione, distribuzione, impiego e smaltimento sono in grado di influenzare negativamente la biodiversità. Essi si concentrano, essenzialmente, sul contributo all'attuabilità economica e sociale dei sistemi che sostengono la biodiversità e anche sull'eliminazione di incentivi che hanno effetti perversi sulla conservazione e sull'uso sostenibile della biodiversità.

La Strategia, quindi, prende in esame più specificatamente l'integrazione delle preoccupazioni ambientali in politiche settoriali pertinenti, fissando gli obiettivi che questi settori di politica dovrebbero perseguire nello sviluppo di specifici piani d'azione settoriali o trans-settoriali. I settori politici interessati includono:

- Conservazione delle risorse naturali;
- Agricoltura;
- Pesca;
- Politiche regionali e assetto territoriale;
- Foreste;
- Energia e trasporti;
- Turismo;
- Sviluppo e cooperazione economica.

Commentando l'adozione della comunicazione della Commissione, la Sig.ra Ritt Bjerregaard, Commissario responsabile dell'ambiente ha rilevato: "Questa Strategia è una pietra miliare nel processo decisionale relativo all'ambiente e definisce un quadro d'azione in settori politici pertinenti per raggiungere l'integrazione delle preoccupazioni connesse alla biodiversità. In questi settori, ora, gli attori dispongono di obiettivi precisi che consentiranno loro di assumersi responsabilità in favore di un ambiente migliore".


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce

Argomenti

Biotecnologia - Politiche