Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Terza relazione sull'attuazione di un pacchetto normativo per le telecomunicazioni

La Commissione europea ha pubblicato l'ultima relazione relativa all'attuazione del pacchetto normativo per le telecomunicazioni dell'Unione negli Stati membri. La relazione esamina anche da presso se la legislazione viene effettivamente applicata ed analizza in che misura i m...
La Commissione europea ha pubblicato l'ultima relazione relativa all'attuazione del pacchetto normativo per le telecomunicazioni dell'Unione negli Stati membri. La relazione esamina anche da presso se la legislazione viene effettivamente applicata ed analizza in che misura i mercati nazionali sono aperti alla concorrenza.

La conclusione della Commissione è che il quadro legislativo è in gran parte completato e viene applicato, sotto il controllo delle autorità di regolamentazione nazionali. Apparentemente le misure nazionali stanno realmente producendo gli effetti desiderati, ma i mercati hanno appena cominciato a sviluppare il proprio potenziale e la Commissione continuerà nel futuro prossimo a sorvegliare gli sviluppi.

I mercati delle telecomunicazioni degli Stati membri hanno un valore complessivo di circa 141 miliardi di ECU e un tasso di sviluppo annuo dell'8,2%. Da quando il processo di liberalizzazione ha mosso i primi passi, si sono registrati continui miglioramenti nel livello e nella qualità dei servizi e una corrispondente caduta dei prezzi. La liberalizzazione pilota (ed è a sua volta pilotata da) il decollo di nuovi servizi e tecnologie che non ha precedenti e l'Europa ha già potuto assistere a un'enorme crescita in tre settori: le comunicazioni mobili, che attualmente contano oltre 45 milioni di utenti nell'Unione; l'utilizzo del fax diffusosi in maniera sensazionale nel corso degli anni '90, e ora Internet.

Nel commentare la situazione, il commissario Bangemann ha ricordato il segnale lanciato agli operatori di mercato, ai consumatori e ai partner commerciali dell'Unione nell'accordo OMC sulle telecomunicazioni in vigore dal 5 febbraio: primo che esiste adesso un quadro normativo in grado di garantire il pieno sviluppo delle capacità dei mercati; secondo che il sistema sta funzionando e cominciano a essere rilasciate licenze e a fare la loro apparizione sul mercato nuovi operatori; terzo che le autorità di regolamentazione nazionali previste dal pacchetto normativo sono adesso operative e stanno facendo il necessario a livello nazionale per garantire la conformità."


Fonte: Commissione europea, Servizio del portavoce

Informazioni correlate