Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Chimica dell'ozono troposferico in ambiente artico

La DG XII della Commissione europea ha pubblicato la relazione finale del progetto ARCTOC (1994-1996).

Supportato dal programma di ricerca comunitario nel settore dell'ambiente e del clima, questo progetto era volto a comprendere le improvvise manifestazioni di perdita di ozo...
La DG XII della Commissione europea ha pubblicato la relazione finale del progetto ARCTOC (1994-1996).

Supportato dal programma di ricerca comunitario nel settore dell'ambiente e del clima, questo progetto era volto a comprendere le improvvise manifestazioni di perdita di ozono troposferico in ambiente polare scoperte una decina di anni orsono. In esso rientravano attività coordinate sul terreno, in laboratorio e di modellatura. Vi hanno partecipato otto gruppi di ricerca di cinque paesi europei nonché Canada, Stati Uniti e Nuova Zelanda.

La relazione esamina i risultati di tali attività ed indica le questioni relative al fenomeno alle quali non è ancora stata data risposta.

Il progetto è risultato principalmente in una maggiore conoscenza del calo di ozono troposferico nelle regioni artiche. Si afferma nella relazione che la diminuzione dello strato di ozono nella regione polare è causata da composti di cloro e bromo in condizioni meteorologiche favorevoli e si indica che l'influenza antropogenica ha un'importanza secondaria nel fenomeno.


Fonte: Commissione europea

Informazioni correlate

Programmi