Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma specifico di ricerca, di sviluppo tecnologico e di dimostrazione nel settore delle applicazioni telematiche di interesse comune (1994-1998)

Programma quadro

FP4

Programma precedente

FP3-TELEMATICS 1C

Programma successivo

FP5-IST

Finanziamento del programma

EUR 913 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 334 del 1994-12-22

Riferimento legislativo

94/801/CE del 1994-11-23
Sviluppare e convalidare dal punto di vista tecnico sistemi e servizi telematici che siano interoperabili in tutta l'Europa, soddisfare le esigenze degli utilizzatori e favorire al massimo l'uso di infrastrutture e attrezzature generiche da parte di questi, nel modo più economico possibile.

Riassunto

Lo specifico programma nel settore delle applicazioni telematiche è uno dei tre elementi dello sforzo comunitario di RST nel settore delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni (TIC) in seno alla prima azione del quarto programma quadro. Gli altri due programmi riguardano le tecnologie dell'informazione e le tecnologie delle comunicazioni. Le azioni di ricerca nel quadro del programma Telematica sono strettamente coordinate con entrambi i programmi.

Lo specifico programma nel settore della telematica contribuirà allo sviluppo di un'infrastruttura europea dell'informazione, il fondamento della futura società dell'informazione. Esso promuoverà ulteriormente le attività di ricerca a sostegno delle altre politiche comuni della Comunità (p.e. trasporti), conformemente alle disposizioni specifiche fissate nel Trattato sull'Unione europea.

Le attività del programma si fondano sui risultati e sull'esperienza del terzo programma quadro e di altre iniziative comunitarie connesse con settori nei quali possono essere applicati sistemi e servizi telematici (quali AIM, DRIVE, DELTA, ORA, ENS, LRE, TIDE, "L'Europa contro l'Aids", HELIOS, IMPACT e GIS).

Per riflettere le nuove priorità delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni nella Comunità, le attività svolte nel settore della telematica nell'ambito del terzo programma quadro sono adesso orientate verso tre nuove direzioni. In primo luogo, si è spostato l'accento dalla telematica dei dati alla nuova "telematica multimediale", che copre tutte le applicazioni multimediali distribuite e interattive. In secondo luogo, la ricerca attribuirà un peso maggiore alle esigenze degli utilizzatori e si concentrerà sulle esigenze del mercato; infine, viene prestata un'attenzione particolare alla ricerca di soluzioni efficaci, ma dal costo accettabile.

Inoltre, il presente programma specifico supera l'approccio prevalentemente empirico del terzo programma quadro rendendo più consistente la ricerca pratica nel settore dell'ingegneria telematica.

L'obiettivo generale delle ricerche svolte nell'ambito del programma è di migliorare l'efficacia dell'ingegneria delle applicazioni telematiche e garantire l'interoperabilità dei sistemi e delle reti telematiche. Tale obiettivo sarà ottenuto attraverso nove azioni verticali o settoriali, sostenute da svariate attività e misure orizzontali.

Deve essere posta la dovuta attenzione al fine di coinvolgere gli utenti in tutte le fasi dei progetti selezionati. Si instaureranno inoltre strette relazioni con gli operatori delle reti di telecomunicazione pubbliche e private, con i fornitori di servizi e gli industriali del settore elettronico e informatico. Inoltre, i lavori di RST condotti nell'ambito dei progetti dovranno il più possibile prevedere le limitazioni di utilizzo delle applicazioni da parte dei disabili e degli anziani e dovranno far sì che le applicazioni sviluppate possano evolvere in modo da rispondere alle esigenze delle suddette categorie di utilizzatori.

Nella maggior parte dei settori di ricerca saranno realizzate attività di cooperazione internazionali (conferenze, studi, visite, dimostrazioni di risultati potenzialmente commercializzabili), ogni volta che sia ritenuto utile. Grande importanza sarà prestata alla cooperazione con i paesi dell'Europa centrale e orientale e con i nuovi Stati indipendenti dell'ex Unione Sovietica, al fine di instaurare stretti collegamenti con le attività telematiche dei programmi PHARE e TACIS o con le iniziative finanziate dalla BERS. Si procederà anche al coordinamento e, se del caso, alla collaborazione tra lo specifico programma e analoghi programmi di RST condotti in altri contesti a livello nazionale o paneuropeo (specialmente COST, EUREKA, ESA, CERN e Eurocontrol).

Si incoraggeranno gli scambi di ricercatori sulle applicazioni telematiche, nonché il collegamento in rete dei centri di ricerca esistenti. Inoltre, si potrà accordare un sostegno comunitario anche alla formazione degli utilizzatori e a scambi di esperienze nel settore.

Sono comprese anche specifiche misure volte a stimolare l'uso di tecnologia, basate su sovvenzioni per la realizzazione della fase esplorativa, al fine di incentivare e facilitare la partecipazione delle PMI alle azioni del programma.

Suddivisione

Cinque settori di attività:

- Telematica per i servizi d'interesse pubblico:
la ricerca si concentra su tre settori di rilevante importanza economica, politica e sociale e si fonda sulle precedenti attività comunitarie, p.e. i programmi ENS, AIM e DRIVE:
. amministrazioni (sviluppo di applicazioni telematiche che facilitino lo scambio di informazioni tra amministrazioni, quali il trasferimento di immagini e la videoconferenza. Tali applicazioni saranno realizzate nel quadro del programma TNA/IDA);

- Trasporti (sviluppo di applicazioni in grado di migliorare la gestione di tutte le modalità di trasporto, in particolare il trasporto stradale, aereo e multimodale, promuovendo al contempo la sicurezza e il comfort degli utenti);

- Telematica per la conoscenza:
la ricerca si concentra sulla messa a punto di nuovi metodi di accesso, condivisione e aggiornamento delle conoscenze e si fonda su precedenti attività comunitarie, p.e. i programmi DELTA e LIBRARIES:
. telematica per la ricerca (RST riguardante l'uso di grandi reti di elaboratori che necessitano di servizi di comunicazione ad alta velocità di trasmissione; sviluppo di servizi multimediali distribuiti a sostegno della ricerca cooperativa; modalità di selezione, di ricerca e di presentazione delle informazioni scientifiche e tecniche);
. istruzione e formazione (sviluppo di una nuova generazione di servizi multimediali per l'insegnamento e la formazione di gruppo a distanza, avvalendosi di reti a banda larga e di satelliti, adattabili alle diverse esigenze degli utilizzatori; nuove tecniche di formazione e apprendimento personalizzati);
. biblioteche (l'attività di RST si concentra su sistemi che agevolino l'accesso alle risorse delle biblioteche e promuovano l'interconnessione delle biblioteche, tra di loro e con l'infrastruttura europea);

- Telematica per favorire l'occupazione e migliorare le condizioni di vita:
sistemi e servizi telematici per favorire l'occupazione e migliorare le condizioni di vita promuovendo un migliore utilizzo del territorio, aumentando il grado di autonomia dei gruppi sociali meno favoriti, quali per esempio gli anziani e i disabili, e consentendo una più efficace protezione dell'ambiente. Le azioni si fondano su precedenti attività comunitarie, p.e. i programmi ORA, TIDE e HELIOS:
. zone urbane e rurali (sviluppo e convalida di applicazioni quali il telelavoro e i teleservizi collettivi);
. cure mediche (cartelle cliniche multimediali dei pazienti; sviluppo di applicazioni telematiche volte a potenziare le risorse a disposizione delle professioni mediche nel campo della diagnostica e della terapia e a migliorare la gestione dei servizi sanitari; telemedicina; sviluppo di applicazioni telematiche a sostegno delle attività comunitarie di prevenzione delle malattie);
. anziani e disabili (migliore accesso alle applicazioni telematiche esistenti e sviluppo di nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione destinate a ripristinare le capacità funzionali);
. azione esplorativa: telematica per l'ambiente (sviluppo di sistemi telematici di allarme e di monitoraggio);
. altre azioni esplorative che valutino le potenzialità di altre soluzioni telematiche in settori che non rientrano nel programma;

- Azioni orizzontali di RST:
attività che richiedono l'esecuzione di ricerche in più settori previsti dal programma:
. ingegneria telematica (riconfigurazione delle organizzazioni che utilizzano sistemi telematici; sviluppo di metodologie e strumenti generici per l'integrazione di apparecchiature e servizi nei settori informatico e delle telecomunicazioni);
. ingegneria linguistica (integrazione di nuove metodologie di elaborazione del linguaggio, scritto o parlato, e ricerca linguistica a carattere generale mirata ad accrescere le possibilità di comunicazione nelle lingue europee);
. ingegneria dell'informazione (azioni di RST per favorire un accesso più agevole e una maggiore semplicità di utilizzo dell'informazione elettronica in tutte le sue forme);

- Azioni di sostegno:
questioni comuni a numerosi settori del programma:
. "sorveglianza telematica" e sviluppo del consenso;
. diffusione dei risultati e promozione della telematica;
. cooperazione internazionale;
. formazione e scambi di esperienze.

Attuazione

La Commissione è incaricata dell'esecuzione del programma ed è assistita da un comitato composto dei rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione. La Commissione ha definito un programma di lavoro iniziale che specifica gli obiettivi scientifici e tecnologici dell'azione, il calendario di attuazione del programma e le modalità finanziarie proposte. Il programma di lavoro può prevedere la partecipazione a talune azioni nel quadro del programma EUREKA. La Commissione elabora gli inviti a presentare proposte di progetti di RST in base al programma di lavoro.

Il programma viene attuato principalmente mediante azioni a compartecipazione finanziaria, azioni concertate e misure di accompagnamento e di sostegno. Il finanziamento comunitario per progetti di RST a compartecipazione finanziaria non supera il 50% del costo totale. Il contributo per le azioni concertate può ammontare fino al 100% mentre, in linea di principio, le azioni dirette sono finanziate per intero dalla Comunità.

Di norma, i progetti di RST selezionati dovranno essere eseguiti seguendo un percorso in cinque tappe:

Individuazione di esigenze specifiche degli utilizzatori;
- Definizione, in base a tali esigenze, di una serie di specifiche funzionali;
- Meccanismi di dimostrazione di specifiche, in un contesto prenormativo e precompetitivo;
- Convalida tecnica di meccanismi di dimostrazione;
-Valorizzazione dei risultati delle applicazioni convalidate con successo.

La dotazione di bilancio destinata al programma è suddivisa tra i cinque settori nel modo seguente: Telematica per i servizi d'interesse pubblico 255 milioni di ECU; Telematica per la conoscenza 146 milioni di ECU; Telematica per favorire l'occupazione e migliorare le condizioni di vita 268 milioni di ECU; Azioni orizzontali di RST 133 milioni di ECU; Azioni di sostegno 41 milioni di ECU (di cui 18 milioni di ECU per la diffusione e ottimizzazione dei risultati e 23 milioni di ECU per altre misure di preparazione, di accompagnamento e di sostegno).

Un importo pari al 9,8% della dotazione complessiva di bilancio del programma è destinato a spese di personale e di funzionamento. Inoltre, un altro importo fino al 5% della dotazione di bilancio complessiva è destinato a misure specifiche riguardanti le PMI.

La dotazione di bilancio stanziata per il programma potrà essere aumentata nel 1996, conformemente alle disposizioni della decisione che adotta il quarto programma quadro.

La Commissione è autorizzata a negoziare accordi di cooperazione internazionale con paesi terzi europei con l'intento di coinvolgerli parzialmente o totalmente nel programma. Il CCR può partecipare alle azioni indirette contemplate dal presente programma.

La Commissione esaminerà, in modo sistematico e permanente, lo stato di realizzazione del programma al fine di garantire che gli obiettivi, le priorità e gli strumenti finanziari siano ancora adeguati. Laddove necessario, in funzione dei risultati di tale valutazione, essa presenterà proposte volte ad adeguare o completare il programma. Inoltre, esperti indipendenti effettueranno valutazioni delle attività coperte dal programma e, alla scadenza del programma stesso, eseguiranno una valutazione finale dei risultati ottenuti rispetto agli obiettivi iniziali. Una relazione sulla valutazione finale sarà trasmessa al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale.

Osservazioni

La dotazione di bilancio destinata a questo programma specifico è stata aumentata da 843 a 898 milioni di ECU con decisione del Consiglio 616/96/CE (nuovi Stati membri). stata ulteriormente aumentata a 913 milioni di ECU con decisione 2535/