Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma specifico per la diffusione e l'ottimizzazione dei risultati nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico, compresa la dimostrazione (1994-1998)

Programma quadro

FP4

Programma precedente

IS-SPRINT 1

Programma successivo

FP5-INNOVATION-SME

Finanziamento del programma

EUR 352 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 361 del 1994-12-31

Riferimento legislativo

94/917/CE del 1994-12-15
Garantire la più larga diffusione possibile dei risultati delle attività di RST organizzate nel quadro dei programmi sia comunitari che nazionali; mirare al loro sfruttamento ottimale, vale a dire far sì, con l'ausilio degli operatori interessati, che i risultati ottenuti si trasformino in innovazioni; favorire il trasferimento di tecnologie per sostenere le iniziative intraprese a livello nazionale o regionale per conferire loro una dimensione transeuropea.

Riassunto

Questa terza azione del quarto programma quadro si compone di un programma specifico di diffusione e valorizzazione, basato su un insieme di misure coesive che opereranno fianco a fianco con i metodi tradizionali per valorizzare i risultati dell'attività di RST e saranno strettamente coordinate con tali metodi.

Il programma specifico nasce dall'esigenza di adottare un approccio nuovo e più mirato alle esistenti attività di diffusione e valorizzazione, in modo che tengano in maggiore considerazione la natura cumulativa e interattiva del processo innovativo nonché le specifiche esigenze della diversa gamma di operatori interessati. Il programma tenterà anche di modificare la tendenza dominante di una politica orientata agli sviluppi tecnologici, che è stata oggetto di critiche durante i precedenti programmi.

Specificatamente, le azioni proposte contribuiranno all'individuazione del potenziale tecnico ed economico dei risultati ottenuti dalle attività di RST e, laddove opportuno, metteranno a disposizione finanziamenti per progetti di dimostrazione. Le attività del programma vanno soprattutto a beneficio delle PMI e includono misure specifiche mirate al miglioramento della competitività delle PMI situate nelle regioni meno sviluppate della Comunità. In generale, le attività previste saranno largamente decentralizzate e dipenderanno fortemente dall'assistenza locale (p.e. la rete comunitaria dei centri di collegamento). I meccanismi di sostegno in favore dell'innovazione e della diffusione esistenti a livello nazionale, regionale e locale saranno rafforzati da misure specifiche che possono essere decise soltanto a livello comunitario.

Il programma incorpora, amplia e completa le attività di diffusione e valorizzazione dei programmi specifici e integra in un solo programma il seguito dato ai programmi SPRINT e VALUE. Esso si sforzerà, inoltre, di valorizzare tutte le sinergie con iniziative e progetti comunitari connessi, quali per esempio MINT, THERMIE, OPET, ecc. Le azioni previste si concentreranno principalmente sui settori di competenza fissati nel quadro di VALUE e SPRINT, che riguardano gli aspetti seguenti:

- Fornitura di servizi specializzati;
- Consolidamento dell'infrastruttura di supporto;
- Creazione di un ambiente favorevole alla diffusione delle tecnologie e alla valorizzazione dei risultati di RST.

La Commissione presterà una particolare attenzione al coordinamento delle attività del programma con gli elementi relativi alla diffusione e valorizzazione contenuti negli specifici programmi di RST, al fine di evitare ogni duplicazione e spreco di sforzi, mantenere un giusto equilibrio geografico nella distribuzione delle azioni e garantire che vengano sfruttate le infrastrutture e le competenze esistenti.

In seno al quarto programma quadro circa l'1% delle dotazioni di bilancio stanziate per i programmi specifici sono destinate alla diffusione e valorizzazione dei risultati delle attività di RST dei programmi.

Suddivisione

Tre settori:

- Diffusione e valorizzazione dei risultati della ricerca:
promuovere la diffusione e la valorizzazione intersettoriale e transnazionale dei risultati della ricerca qualunque sia la loro origine e, in particolare, far conoscere meglio le attività comunitarie di RST e i loro risultati per estendere l'utilizzazione e favorire la collaborazione scientifica e tecnica in Europa:
. rafforzamento della rete comunitaria dei centri di collegamento;
. servizio di informazione e diffusione (estendere il servizio di informazione CORDIS per dare accesso a fonti disponibili o a informazioni memorizzate elettronicamente, p.e. EUREKA, COST, altre strutture di ricerca internazionale, centri di contatto nazionali, ecc.;
. tutela delle conoscenze acquisite mediante le attività comunitarie di RST;
. Assistenza per la valorizzazione dei risultati di RST;
. Valorizzazione della ricerca e esigenze della società;

- Diffusione delle tecnologie tra le imprese:
le misure hanno carattere transeuropeo e sono dirette alle PMI dell'industria e dei servizi la cui competitività dipende dall'accesso alle nuove tecnologie, ma che non hanno i mezzi per partecipare alle attività di ricerca comunitaria o allo sfruttamento diretto dei risultati. Ciò comporterà il coinvolgimento contemporaneo di: Centri delle risorse tecnologiche; organismi pubblici nazionali, regionali o locali; fornitori di servizi d'interfaccia; fornitori di servizi di consulenza specializzata; fornitori di servizi finanziari:
. Reti transnazionali di sostegno al trasferimento e alla diffusione delle tecnologie;
. Un ambiente favorevole all'assimilazione delle tecnologie da parte delle industrie;
. Lo scambio di informazioni e di esperienze sulle politiche regionali, nazionali e comunitarie in materia di diffusione delle tecnologie;

- Il contesto finanziario della diffusione delle tecnologie:
migliorare il quadro europeo del finanziamento della valorizzazione, dell'adeguamento e della diffusione delle tecnologie:
. Misure indirette di sostegno (esse includono il proseguimento del progetto pilota sul finanziamento della tecnologia in base ai risultati, iniziato nel quadro del programma SPRINT, e il sostegno per l'analisi di sistemi efficaci di mobilitazione di capitali privati a beneficio dell'attività di RST):
. realizzazione di azioni pilota di stimolo del trasferimento e dello sfruttamento delle tecnologie da parte delle PMI;
. concessione di assistenza tecnica e di gestione a intermediari finanziari pubblici e privati.

Attuazione

La Commissione è incaricata dell'esecuzione del programma ed è assistita da un comitato consultivo composto dei rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione. La Commissione, sentito il comitato consultivo, definirà un programma di lavoro che specifica gli obiettivi da raggiungere, il calendario di attuazione del programma e i finanziamenti previsti per ciascuna procedura di attuazione. Possono essere previste disposizioni per misure specifiche volte a migliorare l'interazione tra le attività della Comunità e la fase preparatoria di taluni progetti EUREKA. La Commissione esamina, in modo continuo e sistematico, lo stato di attuazione del programma rispetto agli obiettivi definiti al fine di presentare, laddove necessario, proposte volte ad adeguare o modificare il programma di lavoro.

La Commissione elaborerà gli inviti a presentare proposte in base al programma di lavoro. La Commissione è autorizzata a negoziare accordi di cooperazione internazionale con paesi terzi europei non interessati dallo SEE e con organismi internazionali aventi sede in Europa, con l'intento di coinvolgerli parzialmente o totalmente nel programma oppure decidendo di volta in volta, in base al progetto. Il CCR può partecipare alle azioni indirette contemplate dal presente programma.

Il contributo finanziario della Comunità coprirà principalmente azioni a compartecipazione finanziaria, azioni concertate, misure specifiche e misure di preparazione, di accompagnamento e di sostegno, conformemente ai criteri dettati dalla decisione che adotta il quarto programma quadro. Le misure tese a migliorare l'ambiente finanziario per le attività di diffusione e valorizzazione saranno strettamente coordinate con le altre azioni comunitarie attuate nel settore (Eutotech capital, Fondo europeo d'investimento).

Le azioni a compartecipazione finanziaria saranno cofinanziate fino a un massimo del 50% dei costi e includono progetti per la diffusione e la valorizzazione, sussidi destinati all'utilizzazione dei risultati da parte delle PMI e sostegno per il finanziamento delle infrastrutture o delle installazioni necessarie per l'azione coordinata. Le azioni concertate si comporranno principalmente di azioni di coordinamento, attraverso reti di concertazione, di progetti finanziati da enti pubblici o organismi privati. Misure specifiche, come quelle volte alla promozione della normalizzazione, possono ottenere un contributo comunitario fino al 100% dei costi totali.

Qui di seguito viene riportata la ripartizione indicativa della dotazione di bilancio del programma: Diffusione e valorizzazione dei risultati della ricerca 142 milioni di ECU; Diffusione delle tecnologie tra le imprese 136 milioni di ECU; Contesto finanziario della diffusione delle tecnologie 15 milioni di ECU. Tali importi includono uno stanziamento del 7,7% per spese di personale e di funzionamento. Un importo di 37 milioni di ECU, che rappresenta la differenza tra l'importo ritenuto necessario del presente programma e l'importo previsto nell'ambito del quarto programma quadro per la terza azione, è accantonato per attività di RST che si inseriscono nell'ambito di una strategia competitiva e destinato a politiche comunitarie di sostegno scientifico e tecnico.

Valutazioni continue e sistematiche delle attività intraprese nei settori interessati direttamente dal presente programma saranno effettuate da esperti indipendenti che, al termine del programma stesso, eseguiranno una valutazione finale dei risultati ottenuti nella realizzazione degli obiettivi stabiliti. Una relazione sulla valutazione finale sarà trasmessa al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale.

Osservazioni

La dotazione di bilancio destinata a questo programma specifico è stata aumentata da 330 a 352 milioni di ECU con decisione del Consiglio 616/96/CE per tenere conto dell'adesione dei tre nuovi Stati membri (Austria, Svezia e Finlandia) il 1