Skip to main content

Molecular Mechanisms in Diabetic Embryopathy

Article Category

Article available in the folowing languages:

Il diabete è il "cuore" del problema

In Europa, il diabete e le complicanze associate rappresentano la quarta causa più comune di morte; con l'aumento del numero delle gravidanze di donne diabetiche, inoltre, se gli scienziati non ottengono rapidi risultati la situazione potrebbe peggiorare.

Salute

Il progetto Diabetic embryopathy (Molecular mechanisms in diabetic embryopathy) studia le modalità con cui il diabete della madre può colpire anche l'embrione che porta in grembo; già esistono prove di un aumento del rischio di sviluppo di anomalie e disfunzioni cardiache, e anche se le malformazioni sono ben documentate, i meccanismi molecolari sottostanti rimangono poco compresi. I membri del team, mossi dall'obiettivo principale di stabilire i meccanismi a livello di tessuti o i tipi di cellule embrionali esposte al diabete, hanno cercato di identificare i processi molecolari alla base delle malformazioni cardiovascolari provocate dal diabete. Secondo l'ipotesi più accreditata, durante la gravidanza della donna diabetica l'espressione genica viene alterata al punto di compromettere il normale sviluppo cardiaco. Nell'ambito del progetto Diabetic embryopathy si stanno analizzando, attraverso un modello di topo, i cambiamenti che si verificano nel cuore dell'embrione in fase di sviluppo quando si trova in un ambiente diabetico; tali embrioni presentano il 17% dei casi di malformazioni cardiache rispetto agli embrioni non esposti. Sono stati notati difetti cardiovascolari sotto forma di emorragie o edemi anche nella struttura degli organi; la realizzazione di profili dell'espressione genica globale ha confermato che le interruzioni del normale trasferimento di geni svolgono un ruolo di primo piano nello sviluppo embrionale. Uno di questi fattori di trascrizione è il fattore 1 alfa inducibile da ipossia (HID1a): dai risultati degli studi si evince un aumento del 20% dei difetti congeniti e modifiche significative nell'espressione genica dell'embrione HIf1a+/- esposto al diabete, per cui le sequenze attivate dall'HIF1 potrebbero essere meccanismi essenziali nello sviluppo delle malformazioni congenite provocate dall'esposizione al diabete. I risultati di alcuni studi del progetto sono stati presentati in occasione del 49° convegno annuale della Società di teratologia (2009), due volte sul Journal of Applied Physiology (2010) e come poster a Keystone, in Colorado (2010). Il progetto Diabetic embryopathy è finalizzato all'approfondimento delle attuali conoscenze sui disordini dello sviluppo associati alle gravidanze di donne affette da diabete; i risultati contribuiranno ad approfondire le conoscenze sulle malattie degli adulti associate al diabete.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione